Sud in recessione, risale il gap con il Nord. «Reddito di cittadinanza, impatto nullo»

Sud in recessione, risale il gap con il Nord. «Reddito di cittadinanza, impatto nullo»
Se l'Italia è in stagnazione, il Sud è in recessione. Il 2019 chiuderà per il Mezzogiorno con un Pil negativo (-0,2%) e per il prossimo anno non si andrà tanto oltre la soglia dello zero (+0,2%). L'ultimo Rapporto Svimez vede così una parte del Paese allontanarsi sempre di più, accumulando su di sé ritardi nazionali ed europei. C'è il lavoro che manca, per agganciare i livelli del Centro Nord servono 3 milioni di posti. E non ci sono più i giovani: risulta sotto i 35 anni la metà degli oltre due milioni di meridionali andati altrove dall'inizio del nuovo millennio.

Senza contare le conseguenze delle crisi industriali che si stanno aprendo, a cominciare dall'ex Ilva di Taranto. Davanti a questo quadro il premier Giuseppe Conte assicura che presto arriverà il piano per il Sud. «Sarà varato a fine anno», dice. E «se riparte il Sud riparte l'Italia», sottolinea, chiarendo che «non è uno slogan». Certo i fronti aperti sono tanti, finanza inclusa. «Faremo tutto quello che é nelle nostre possibilità perché si rafforzi il sistema creditizio nel Meridione», garantisce a proposito Conte. Alla presentazione del Rapporto interviene poi Giuseppe Provenzano, questa volta non da vice-direttore ma da ministro per il Sud. Provenzano ricorda il suo ex lavoro e non nasconde l'emozione. Quanto alle azioni concrete messe in campo ricorda il vicolo di spesa a favore del Mezzogiorno, a cui deve essere dirottato il 34% della spesa pubblica. Ma rivendica in generale che tutta la manovra ha un «impianto meridionalista».


LEGGI ANCHE --> Manovra, taglio del cuneo in bilico, se slitta a ottobre bonus dimezzato per 14 milioni di lavoratori
 

Certo non si può fare a meno delle tasse, spiega, chiedendosi «cosa hanno in testa» coloro che professano il «messaggio no tax»: «scuola privata, sanità privata, accesso ai sevizi privati?». Tornando alle cifre del Rapporto, impressionano quelle sullo spopolamento. La «trappola demografica» al Sud determinerà nel giro dei prossimi cinquant'anni, se nulla cambia, la perdita di 5,2 milioni di persone, «quasi il 40% del Pil». Intanto negli ultimi dieci anni il «gap occupazionale» tra Nord e Sud si è allargato: dal 19,6% al 21,6%. E i posti che si creano al Sud sono spesso sottopagati, con la scusa del part time. Non è al Reddito di cittadinanza che si appella l'associazione per lo sviluppo del Mezzogiorno, giudicando «nullo» il suo impatto sul lavoro. Invece vengono apprezzate le misure che rientrano nel 'green new deal'. Un terreno su cui il Sud può dire la sua. «La bioeconomia meridionale si può valutare tra i 50 e i 60 miliardi di euro», si stima. I sindacati però chiedono di più. La Cgil con Gianna Fracassi giudica «troppo timido» lo sforzo fatto in manovra. Per la Cisl Luigi Sbarra propone di indirizzare al Sud una quota degli investimenti delle «aziende di Stato». Per Ivana Veronese della Uil è venuto il momento di trattare la questione meridionale come «questione nazionale». L'opposizione appare scettica sul Piano per il Sud: «solo parole» per Forza Italia, Dura la Lega, questo governo, dice il leader Matteo Salvini, «è un danno per l'economia di tutto il Paese da Nord a Sud».
 

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 4 Novembre 2019, 10:34






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Sud in recessione, risale il gap con il Nord. «Reddito di cittadinanza, impatto nullo»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti