Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Negative le Borse europee. Tonfo per Piazza Affari appesantita da banche

Venerdì 19 Agosto 2022
Negative le Borse europee. Tonfo per Piazza Affari appesantita da banche
(Teleborsa) - Chiusura di ottava in deciso ribasso per le Borse europee, con Piazza Affari che registra le perdite maggiori. L'andamento è peggiorato nel pomeriggio, complice la pessima performance di Wall Street, e ha portato i listini del Vecchio Continente a chiudere la giornata vicini ai minimi della seduta. A spaventare gli investitori sono sempre l'aumento dell'inflazione, l'inasprimento della politica monetaria (anche a causa dei commenti hawkish arrivati dai funzionari FED nelle ultime 24 ore) e il rallentamento della crescita a livello globale.

Sulla Borsa Italiana si è registrato un vero e proprio tonfo per le banche, mentre hanno registrato ribassi significativi anche i settori automotive e dei beni discrezionali.

I prezzi alla produzione tedeschi hanno registrato i più alti aumenti di sempre a luglio, con i costi dell'energia che continuano a salire a causa della guerra in Ucraina. I livelli record di inflazione hanno fatto scendere l'indice della fiducia dei consumatori britannici a un nuovo record negativo.

Resiste alle vendite, pur con scambi minimi, Banca Carige, dopo che il CdA ha approvato i risultati consolidati al 30 giugno 2022. Il periodo si è chiuso con un risultato netto negativo di 221,1 milioni di euro, essenzialmente riconducibile alla registrazione nel secondo trimestre di significativi elementi non ricorrenti per complessivi 205,0 milioni di euro.

Sessione debole per l'Euro / Dollaro USA, che scambia con un calo dello 0,41%. Prevale la cautela sull'oro, che continua la seduta con un leggero calo dello 0,45%. Sessione euforica per il greggio, con il petrolio (Light Sweet Crude Oil) che mostra un balzo dell'1,50%.

Lieve peggioramento dello spread, che sale a +226 punti base, con un aumento di 4 punti base, con il rendimento del BTP a 10 anni pari al 3,48%.

Tra gli indici di Eurolandia seduta negativa per Francoforte, che mostra una perdita dell'1,12%, piatta Londra, che tiene la parità, e sotto pressione Parigi, che accusa un calo dello 0,94%.

Pioggia di vendite sul listino milanese, che termina con una pesante flessione dell'1,96%; sulla stessa linea, si abbattono le vendite sul FTSE Italia All-Share, che chiude la giornata a 24.647 punti, in forte calo dell'1,90%. Negativo il FTSE Italia Mid Cap (-1,49%); sulla stessa tendenza, depresso il FTSE Italia Star (-1,87%).

Al termine della seduta della Borsa di Milano, risulta che il controvalore degli scambi nella seduta odierna è stato pari a 1,2 miliardi di euro, in rialzo del 3,45% rispetto ai precedenti 1,16 miliardi; mentre i volumi scambiati sono passati da 0,34 miliardi di azioni della seduta precedente agli odierni 0,42 miliardi.

Maglia rosa tra i titoli del FTSE MIB a mostrare un buon guadagno, Recordati ottiene un +2,07%.

Le più forti vendite, invece, si sono abbattute su Fineco, che ha terminato le contrattazioni a -4,77%.

Scivola Unicredit, con un netto svantaggio del 3,80%.

Pessima performance per Mediobanca, che registra un ribasso del 3,72%.

Sessione nera per Interpump, che lascia sul tappeto una perdita del 3,55%.

In cima alla classifica dei titoli a media capitalizzazione di Milano, Datalogic (+3,24%), Antares Vision (+2,51%), Saras (+1,42%) e Fincantieri (+0,99%).

Le più forti vendite, invece, si sono abbattute su Reply, che ha terminato le contrattazioni a -3,57%.

In perdita Mutuionline, che scende del 3,43%.

Pesante Brembo, che segna una discesa di ben -3,38 punti percentuali.

Seduta negativa per Maire Tecnimont, che scende del 3,36%.
© RIPRODUZIONE RISERVATA