Lavoro, disoccupazione in calo al 9,7%: è il dato più basso da 2012. Inflazione stimata in calo a 1,1% a luglio

PER APPROFONDIRE: disoccupazione, istat, lavoro, occupazione
Lavoro, disoccupazione a giugno in calo al 9,7%: è il dato più basso da 2012
Dati positivi giungono dal mercato del lavoro. L'Istat rileva un calo dello 0,1% a maggio, spiegando che si tratta del tasso più basso da gennaio del 2012, ovvero da sette anni e mezzo. Si tratta della quarta flessione consecutiva, scendendo al 9,7%. A giugno cala anche la disoccupazione giovanile (15-24 anni) al 28,1%, in calo di 1,5 punti percentuali. Lo rileva l'Istat. Si tratta del tasso più basso dall'aprile del 2011. A giugno il tasso di occupazione per i 15-64enni sale al 59,2% (+0,1 punti percentuali), segnando così un nuovo massimo storico: il livello più alto da quando sono iniziate le serie statistiche, ovvero dal 1977. Lo comunica l'Istat.

Accelera la crescita dei prezzi al consumo per il carrello della spesa L' inflazione: per i beni alimentari, per la cura della casa e della persona e per i prodotti ad alta frequenza d'acquisto l' inflazione è pari a +0,8%. Lo comunica l'Istat. La decelerazione dell' inflazione, spiega l'Istat, è dovuta quasi esclusivamente all'inversione di tendenza dei prezzi dei beni energetici regolamentati (da +4,3% di giugno a -3,1%), bilanciata solo marginalmente dall'accelerazione dei prezzi dei beni alimentari non lavorati (da +0,7% a +1,6%) e di quelli dei servizi relativi ai trasporti (da +1,5% a +1,8%).

L' inflazione di fondo, al netto degli energetici e degli alimentari freschi, e quella al netto dei soli beni energetici salgono di un decimo di punto rispettivamente da +0,4% a +0,5% e da +0,5% a +0,6%. L'aumento congiunturale dell'indice generale è dovuto per lo più alla crescita dei prezzi dei servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona e dei Servizi relativi ai trasporti (+0,7% per entrambi), su cui incidono fattori stagionali, solo in parte bilanciata dal calo dei prezzi dei beni energetici regolamentati (-1,5%), dei beni alimentari non lavorati e dei beni energetici non regolamentati (-0,8% per entrambi).

L' inflazione decelera per i beni (da +0,5% a +0,1%), mentre rimane stabile per i servizi (a +1,0%); il differenziale inflazionistico è quindi positivo e pari a +0,9 punti percentuali (era +0,5 a giugno). L' inflazione acquisita per il 2019 è +0,7% per l'indice generale e +0,6% per la componente di fondo.  Secondo le stime preliminari, l'indice armonizzato dei prezzi al consumo (Ipca) diminuisce dell'1,7% su base mensile, per l'avvio dei saldi estivi di abbigliamento e calzature di cui il Nic non tiene conto, e cresce dello 0,4% su base annua (in decelerazione da +0,8% registrato nel mese precedente). Andamento opposto è osservato per i prezzi dei beni alimentari non lavorati, che accelerano da +0,7% a +1,6% (-0,8% su base mensile) per effetto dell'andamento dei prezzi dei Vegetali freschi o refrigerati diversi dalle patate (da +5,1% a +7,7%, -1,5% il congiunturale) e della Frutta fresca o refrigerata (da -4,2% a -1,6%, -3,1% rispetto a giugno 2019).

La stabilità dei prezzi dei servizi, secondo l'Istat, «è imputabile ad andamenti opposti». Da un lato accelerano i prezzi dei servizi relativi ai trasporti da +1,5% a +1,8% (+0,7% il congiunturale), a causa dei prezzi del trasporto aereo passeggeri (da +2,3% a +6,9%, +4,4% su base mensile). Dall'altro rallentano i prezzi dei servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona (la cui crescita passa da +1,3% a +1,1%; +0,7% la variazione congiunturale). Da ricordare, infine, in questo quadro, l'ampliarsi della flessione dei prezzi dei servizi relativi alle comunicazioni (da -5,9% a -6,6%).
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 31 Luglio 2019, 10:20






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Lavoro, disoccupazione in calo al 9,7%: è il dato più basso da 2012. Inflazione stimata in calo a 1,1% a luglio
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2019-07-31 13:09:13
Ma come il decreto dignità non doveva produrre milioni di licenziati, il rdc non doveva spingere la gente a licenziarsi? E' successo il contrario perchè l'occupazione è in salita e salgono pure i contratti stabili. Quindi gli espertoni anche stavolta non ne hanno azzeccata una.
2019-07-31 11:35:23
Bisogna contare il numero di occupati. Perché la disoccupazione cala perché ci sono sempre meno persone in età lavorativa.
2019-07-31 11:25:46
Certi Media han sempre definito, ingiustamente a mio giudizio, i 5* degli incompetenti. Questi sono i risultati a mio giudizio brillanti che riguardano solo il settore del Lavoro e dell’Occupazione. Con l’introduzione del Cuneo fiscale e il Salario minimo i risultati positivi saranno ancora più evidenti. In altri campi come per esempio quello dell’Ambiente, presieduto dal Generale Costa, si incominciano a vedere i primi progressi con la lotta serrata alla plastica, meno inceneritori e più raccolta differenziata, un incremento delle auto elettriche, nel campo della Giustizia, presieduto dall’On. Bonafede, ricordo la Legge efficace contro la Corruzione, nel campo della Sanità, a capo dell’On. Grillo, la riduzione delle liste di attesa e un costo inferiore dei medicinali a carico degli Assistiti, nel campo dei Lavori pubblici, con il nostro tenace Ministro Danilo Toninelli, una generalizzata apertura dei cantieri per oltre 50 miliardi di Euro e così via. E sono appena 12 mesi che il M5S governa l’Italia. Insomma coloro che hanno sempre criticato il M5S dovranno rivedere la propria posizione. Da parte mia continuerò a rivotare il M5S perché sono convinto che faccia non un buon, ma un ottimo lavoro solo, ripeto solo nell’interesse di tutti i Cittadini come è giusto che sia.