Cambiamenti climatici: ecco cosa scegliere a tavola per contrastarli partendo da 5 piatti consigliati da Barilla

Giovedì 5 Agosto 2021
Cambiamenti climatici: ecco cosa scegliere a tavola per contrastarli partendo da 5 piatti consigliati da Barilla

La Fondazione Barilla propone per la linea Su-Eetable Life cinque ricette sane e sostenibili la cui cottura richiede meno di 15 minuti. Con i consigli culinari di Barilla si può anche dare una mano al contrasto dei cambiamenti climatici.

«Il modo in cui produciamo, consumiamo, distribuiamo e sprechiamo il cibo, hanno un forte impatto sull’ambiente e sul clima, visto che i nostri sistemi alimentari contribuiscono fino al 37% delle emissioni di gas serra» così Marta Antonelli, direttore della ricerca di Fondazione Barilla. La Fondazione fornisce quindi una serie di consigli da seguire tutto l’anno per mangiare sostenibile e suggerendo 5 ricette fresche, che richiedono meno di 15 minuti di cottura, da portare a tavola nei mesi estivi.

Le cinque ricette

Si tratta di insalata di cereali misti e verdure, pollo ai peperoni dolci e curcuma, gazpacho, bruschette di segale con sgombro, pomodorini, menta e pesche con amaretti e cacao. Si tratta di ricette gustose e con un altissimo livello di sostenibilità ambientale, ideali per essere preparate nei mesi più caldi dell’anno e che hanno bisogno di meno di 15 minuti. Le cinque ricette possono essere preparate con ingredienti comuni, presenti in tutte le dispense, e hanno modalità di cottura fresche e veloci. Non sarà necessario tenere il forno acceso per ore, né trascorrere troppo tempo davanti ai fornelli: così non solo si contribuisce al risparmio energetico, ma si può godere al massimo delle giornate estive, senza stress.

Dieta, camminare fa dimagrire? Solo se fatto nel modo giusto

I problemi del cambiamento climatico

Il cambiamento climatico indotto dall’uomo ha provocato un incremento di 1,2°C delle temperature globali rispetto ai livelli preindustriali. Nella regione del Mediterraneo, questo fenomeno potrebbe portare a un riscaldamento di 0.7°C nel giro dei prossimi vent’anni, per raddoppiare entro il 2050 I nostri sistemi alimentari poco sostenibili, contribuendo fino al 37% delle emissioni di gas serra, hanno un impatto negativo sull’ambiente e sul clima. Ciascuno di noi può essere agente del cambiamento e contribuire a mitigare questa situazione drammatica, adottando uno stile di vita più sostenibile, a partire dalla tavola.

Il bacino del Mediterraneo è considerato un “hotspot” del cambiamento climatico, ovvero un’area particolarmente vulnerabile. Le stime attuali mostrano come ci si aspetti, in concomitanza con estati che riscaldano ad un ritmo del 40% superiore a quello globale, una diminuzione delle precipitazioni nel breve (2025) e medio termine (2050) dal 2 al 7%, contro un aumento globale previsto tra l'1 e il 4%. Questo significa che nella regione del Mediterraneo i cambiamenti climatici e la variabilità climatica potrebbero portare a un riscaldamento di 0.7°C nel giro dei prossimi vent’anni, che raddoppierà entro il 2050.

Dieta dell’anguria, quanta mangiarne per perdere una taglia in una settimana

Il ricettario Barilla

Il ricettario nasce dall’esperienza dell’omonimo progetto che mira a coinvolgere i cittadini europei ad adottare una dieta sana e sostenibile con l'obiettivo di contribuire a una sostanziale riduzione delle emissioni di gas serra e del consumo idrico connessi alle scelte alimentari: passando cioè dall’attuale impatto medio per pasto di un cittadino europeo, che pesa circa 1,8 kg di CO2 eq., a circa 1 kg di CO2 eq. emessa per pasto. Attraverso l'analisi della letteratura medica e scientifica di settore, il progetto ha elaborato 5 consigli che si pongono alla base di un'alimentazione sana e sostenibile. Sarebbe importante ad esempio preferire gli alimenti di origine vegetale a quelli di origine animale.

Dieta, in forma con i pasticcini alle mandorle senza zucchero

Una dieta ricca di frutta, verdura, legumi, cereali integrali e frutta secca è ottima per la nostra salute ed è anche rispettosa del clima. Ma anche mangiare la carne rossa solo occasionalmente. Se consumata troppo di frequente può avere un impatto negativo sulla nostra salute e su quella della Terra. Cercare quindi di non mangiare carne rossa più di una volta alla settimana. Assumere proteine di origine vegetale. Come fagioli, lenticchie, piselli e altri legumi come i ceci, ma anche le verdure a foglia verde, sono fonti proteiche versatili e sostenibili; ricche di fibre e nutrienti.

Fra gli alimenti di origine animale, le carni bianche e il pesce hanno un impatto minore sul Pianeta rispetto alla carne rossa, il che significa che puoi consumarli fino a tre volte alla settimana facendo comunque la tua parte per l’ambiente. Mangiare uova e formaggio non più di un paio di volte alla settimana. Ma non rinunciare al gusto, diversificando la propria dieta, esplorando tutte le varietà di verdura, legumi e cereali integrali a disposizione e rendendo più invitanti zuppe e insalate, con l'aggiunta di una manciata di semi o frutta secca, e gusta la frutta di stagione come spuntino. Infine utilizzare oli vegetali per cucinare e scoprire prodotti locali e stagionali.

Dieta e frutti rossi, tutto ciò che c'è da sapere

© RIPRODUZIONE RISERVATA