Dopo i temporali, temperature giù di 10 gradi: bombe d'acqua a Padova, Verona e in montagna

Maltempo nel Padovano

VENEZIA - Un calo termico di oltre 10-12 gradi è quello che i temporali e l'aria più fresca a seguito del sistema perturbato hanno portato oggi, domenica 7 agosto, in Veneto, dopo un'infinità di giornate torride, con massime fin oltre i 37 gradi. A metà giornata le temperature in pianura sono comprese tra i 22 e i 25 gradi. Nel territorio regionale continuano gli acquazzoni sparsi, il cielo è coperto, e spirano venti dai quadranti settentrionali, che hanno 'ripulito' l'aria. Scenario ormai insolito, sulle strade cittadine sono ricomparse le pozzanghere, dopo settimane di siccità. Le precipitazioni più consistenti dalla scorsa mezzanotte si sono avute nel veronese, in alcune località quasi 20 millimetri di accumulo, e nel padovano, 10 millimetri. In montagna, dopo 48 ore di temporali e bombe d'acqua, specie sulle Dolomiti, il tempo è in miglioramento. A Cortina, dove proseguono i lavori dell'Anas per riaprire la 51 di Alemagna, chiusa da venerdì notte per una frana tra Fiames e Passo Cimabanche, è rispuntato anche il sole. 

Dopo 48 ore riaperta la statale Alemagna, senso alternato solo sul punto della frana
Maltempo e frane. La Statale Alemagna resta chiusa tra Fiames e passo Cimabanche
Frana a Cortina: chiusa l'Alemagna invasa da massi e detriti, sassi in strada anche a Cimabanche. Nubifragio sulle Dolomiti

 

Leggi l'articolo completo
su Il Gazzettino
Tragedia in A4, pulmino disabili sotto un Tir: morte 4 donne e 2 due uomini, una ferita grave. Tra le vittime l'ex sindaco di Riccione. 11 km di coda. Subito dopo altri due incidenti
Tre incidenti in A4 tra Venezia e Padova, autostrada bloccata in entrambe le direzioni. Più di una decina i veicoli coinvolti
Fallisce la Granziero spa, addio a 50 anni di storia. Quaranta dipendenti da 3 mesi senza stipendio
Zls in Veneto, cosa è e dove nasce. Investimenti per 2,4 miliardi e 177mila posti di lavoro La Mappa
La Cimolai Spa soffocata dai derivati. Indebitamento di 600 milioni, operazioni a insaputa del Cda