Accordo con il Comune: islamici in preghiera al Palaplip fino a giugno

PER APPROFONDIRE: accordo, comune, islamici, mestre, preghiera
Accordo con il Comune: islamici in preghiera al Palaplip fino a giugno

di Raffaele Rosa

MESTRE - È stata individuata nella sala dell'auditorium della Plip di via San Donà la soluzione temporanea per ospitare i venerdì di preghiera della comunità bengalese rimasta orfana dei locali di via Fogazzaro. Da oggi e probabilmente fino al prossimo mese di giugno, quando cioè dovrebbe essere pronta la soluzione alternativa di via Torino, i fedeli musulmani dalle 13 alle 15 di ogni venerdì si ritroveranno alla Plip per pregare. La sala verrà affittata per le due ore di utilizzo dalla Cinemarte, che gestisce gli spazi per conto del Comune, e l'ingresso nella struttura avverrà dalla parte laterale dell'edificio, senza così confondersi con quello dell'attività della Plip Bio Osteria. La soluzione è stata ben accolta dalla comunità bengalese che, dunque, conferma di aver trovato un nuovo feeling e un dialogo con l'amministrazione comunale dopo il divieto imposto di non utilizzare più i locali di via Fogazzaro per la preghiera.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 21 Aprile 2017, 05:01






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Accordo con il Comune: islamici in preghiera al Palaplip fino a giugno
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2017-04-23 17:01:42
Altro che moschee, dobbiamo solo rimandarli al loro paese. Piano piano questi un giorno di domineranno. E' questo il loro intento, poichè glielo comanda il Corano. Col nostro becero buonismo, stiamo importando solo barili di polvere pronti prima o poi a scoppiare.
2017-04-22 08:53:42
Non serve un luogo per pregare. Se si tratta di pregare, qualsiasi luogo e qualsiasi momento va bene. Questo è generalmente il nostro modo di intendere la preghiera, se c'è fede. Poi ci sono gli osservanti, che la domenica e nelle feste comandate vanno in chiesa, ma le chiese, sappiamo, sono sempre più deserte. Solo i cristiani radicalizzati, assai pochi, si ritrovano più spesso tra di loro, per pregare e stare assieme, e per pianificare opere di bene, non di certo per pianificare attentati. Come la chiesa, anche la moschea non è soltanto un luogo di culto ma anche un luogo di aggregazione. Ma, contrariamente alla nostra chiesa, è insieme chiesa e sede di partito. Perché l'Islam è insieme fede e ideologia politica. E dal momento che si tratta di una ideologia antidemocratica e imperialista, le moschee si dovrebbero vietare, come sono vietati per legge i centri di aggregazione politica contro le libertà democratiche – legge n. 645/1952, nota come legge Scelba.
2017-04-22 08:25:03
Io abito attaccato al palaplip e da quando hanno dato il permesso di usare questa struttura per i loro raduni, parliamo ormai di qualche anno, ogni volta sembra di vivere in un paese arabo. Siamo invasi da sti beduini, chiaramente solo maschi perchè le donne loro non le considerano, e andiamo avanti così. Tenete presente che per restaurare il Palaplip ci son voluti anni di restauro e spesi molti eurini pubblici. Insciallah.........
2017-04-21 23:28:17
Io un posto dove sicuramente dei loro amici li potrebbero ospitare l'ho trovato...anzi due CENTRO RIVOLTA o FORTE MARGHERA .... tanto lì tutto è permesso fumo droga alcol niente scontrini ...tutti loro saranno sicuramente contenti di accogliere i loro fratelli
2017-04-21 19:03:05
... l'albero ha messo radici.. poi arriveranno i frutti.. la foresta originaria è a rischio..