«Pronti alle barricate», i sindaci minacciano battaglia sui profughi

PER APPROFONDIRE: bagnoli, profughi, protesta, sindaci
«Pronti alle barricate», i sindaci minacciano battaglia sui profughi

di Nicola Benvenuti

BAGNOLI - Pronti alle barricate. I sindaci della Bassa padovana minacciano battaglia se non diminuirà il numero di richiedenti asilo stipati nei centri di accoglienza della zona. «La misura è colma. Si devono chiudere subito le grandi concentrazioni della vergogna: San Siro e Conetta devono essere svuotate. Da oggi tappezziamo il distretto del profugo con striscioni che chiedano la chiusura degli hub». Parole di fuoco quelle del primo cittadino di Bagnoli, Roberto Milan, che è sceso in piazza ieri mattina con i colleghi di Agna, Gianluca Piva, e Cona, Alberto Panfilio. I sindaci si sono presentati con la fascia tricolore alla manifestazione, organizzata dopo la tentata violenza sessuale ai danni di una quarantenne da parte di uno straniero, che contava circa 300 persone.

Sul palco, davanti al municipio di Bagnoli, anche i sindaci di Arre, Bovolenta, Saletto di Montagnana e Polverara, venuti a dare manforte. Nessuna bandiera di partito presente alla manifestazione e nemmeno i comitati in forma ufficiale. Tanto che si vociferava di un certo disappunto della Lega Nord, che si sarebbe sentita scippata dell'iniziativa dai sindaci che, proprio perché hanno appartenenze politiche diverse, hanno insistito per una protesta di carattere istituzionale, anche se con toni forti e ultimativi per il Governo.
 
 

Lunedì 20 Marzo 2017, 05:03






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Pronti alle barricate», i sindaci minacciano battaglia sui profughi
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 54 commenti presenti
2017-03-20 16:12:12
La tenuta di Castelporziano (RM) tenuta Presidenziale molto usata anche dalla PRESIDENTESSA Boldrina ha una superficie di 59 KM quadrati potrebbe accogliere qualche migliaio di "Profughi", le "Alte" cariche Istituzionali oltre che predicare l'accoglienza ai loro Sudditi mettano a disposizione quella tenuta che non appartiene a loro ma agli Italiani poi potranno parlare di accoglienza diffusa sul territorio e Boiate simili.
2017-03-20 17:03:09
e pure castelGandolfo [visto che chi li (chi)ama lì non ci va mai)
2017-03-20 18:24:15
CHI ha detto che "non si puo' fare nulla"?
2017-03-20 18:30:51
Si infatti Bergoglio si e detto disponibile ad aprire Castelgandolfo ai visitatori (Paganti) ma non la rende disponibile ai Migranti quelli c'e li dobbiamo sorbire noi, lui dice sempre venite e sarete accolti, ma dagli Italiani naturalmente.
2017-03-20 15:57:47
Ho tanta comprensione per i sindaci e per le popolazioni costrette a subire decisioni prese dall'alto. Purtroppo pero' non c'e' niente da fare. Ci sono decisioni politiche prese in stanze di potere chiuse con il chiavistello da parte di governanti che hanno deciso politicamente questa invasione di massa da parte di individui provenienti da Africa ed Asia. Questi governanti sono distanti anni luce dai cittadini, sono politici difesi da auto blindate e da guardie del corpo e a loro va piu' che bene che migliaia di cooperative sociali sfruttino l'accoglienza e le cooperative sono centinaia di migliaia di voti. Inoltre il lavoratori delle coop sono lavoratori occupati e quindi una carta vincente nei confronti dei sindacati. Inoltre l'accoglienza per i nostri politici e' un mezzo per fare l'occhiolino alla chiesa cattolica e al consenso elettorale dei cattolici e un occhiolini anche rivolto all'' estrema sinistra, i centri sociali, i radical chic, gli intellettuali, i giornali e chi più ne ha piu' ne metta. Chi ci va di mezzo sono i sindaci e le piccole cittadine e i loro abitanti che si trovano alle prese con problemi piu' grandi di loro.