Panettoni e pandori: in vendita i dolci natalizi fatti in carcere

Lunedì 16 Dicembre 2019 di Roberto Cervellin
Il volantino dei dolci fatti in carcere
6
VICENZA - Dal panettone al pandoro, dai frollini alla crostata, dalle spumiglie agli amaretti.

I dolci di Natale si fanno anche in carcere. La casa circondariale di Vicenza ha riattivato il forno grazie al progetto “Docissime evasioni” della cooperativa M25. All'opera, 4 detenuti guidati da fornai che assicurano la qualità dei prodotti.

Questi ultimi possono essere prenotati o acquistati al Centro diurno per la salute mentale in via Bellini a Vicenza o nella sede della cooperativa a Schio, in via Martiri della Libertà. I prezzi? Come appare nel volantino, variano dai 10 euro del panettone classico e del pandoro ai 3 euro per un sacchetto da 200 grammi di biscotti al cioccolato. Stesso costo per frollini, baci di dama e occhi di bue. Insomma, ce n'è per tutti i gusti e tutte le tasche. ll ricavato, spiega il presidente di M25 Claudio Michele Resina, verrà impiegato per il reinserimento lavorativo e sociale degli stessi detenuti.

L'iniziativa nasce dalla collaborazione con la Caritas per stimolare la rieducazione attraverso il contatto con l'ambiente esterno. Nel carcere berico - che soffre da tempo di problemi di sovraffollamento - sono stati ricavati anche un laboratorio di assemblaggio che vede impegnati 11 detenuti e 3 serre. Ultimo aggiornamento: 17 Dicembre, 19:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci