Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Covid e vacanze, cosa succede se sono positivo prima di partire? Dai rimborsi alle assicurazioni, le regole

Sono tanti gli italiani che hanno già prenotato (e pagato) il viaggio e che ora devono fare i conti con alcuni imprevisti

Mercoledì 22 Giugno 2022
Cosa succede se prendo il Covid prima di partire? Dai rimborsi alle assicurazioni, le regole

Covid, siamo in una fase di espansione dell'epidemia in Italia sia per la circolazione del virus che per l'impatto sugli ospedali. In crescita la percentuale dei positivi al test molecolari al 12% circa rispetto a 2 settimane fa quando era al 5%. E così la nuova ondata rischia di far saltare molte vacanze, le prime senza alcuna restrizione. Sono tanti gli italiani che hanno già prenotato (e pagato) il viaggio e che ora devono fare i conti con alcuni imprevisti. Anzitutto il caos aeroporti: quest’estate sul tabellone delle partenze si legge sempre più spesso una parola accanto ai riferimenti dei singoli voli: cancellato. Scioperi, caro carburante e carenza di manodopera stanno lasciando a terra gli aeromobili. Ma adesso, con l'aumeto dei contagi, il rischio è quello di veder sfumare le proprie vacaze. Cosa succede a chi prende il Covid prima di partire? Quali le regole? E chi ha già pagato?

Le segnalazioni

«Cominciamo a ricevere le prime telefonate di persone in difficoltà, che ci chiedono come ottenere il rimborso, ma la ricaduta in tal senso dei nuovi contagi la vedremo compiutamente nelle prossime settimane - rivela Davide Cecchinato, presidente di Adiconsum Veneto, in un'intervista al Corriere del Veneto - . Si deve partire dal presupposto che la sopraggiunta impossibilità di usufruire della prestazione concordata e pagata, per motivi di necessità o forza maggiore, prevede il rimborso obbligatorio da parte del fornitore.

«Il problema è che, causa anche la crisi provocata al turismo dalla pandemia, otto volte su dieci l’operatore oppone ostruzionismo. Noi consigliamo di inviare immediatamente al tour operator o all’agenzia coinvolti la segnalazione scritta della malattia, corredata dall’esito del tampone e dal certificato medico, con relativa richiesta di rimborso. Se poi il destinatario è reticente - aggiunge Cecchinato - è meglio rivolgersi a un’associazione consumatori, che conosce bene l’iter da intraprendere e pure i trucchetti dei fornitori e delle assicurazioni per non pagare».

 

Le assicurazioni

Prima di acquistare qualsiasi pacchetto vacanze, l'altro consiglio è quello di sottoscrivere un’assicurazione che copra specificatamente il Covid-19. Costa dai 60 ai 200 euro, a seconda delle prestazioni incluse. «All’inizio dell’emergenza la pandemia non era contemplata tra le cause di malattia che danno diritto al rimborso, ma adesso la maggioranza delle compagnie copre anche il sinistro da Covid-19 - spiega il presidente di Adiconsum Veneto -. Chi è assicurato nel giro di due mesi in genere viene ristorato, se la documentazione è in ordine e risulta inviata nei tempi previsti. Se invece si è scoperti, la situazione si complica un po’, spesso i fornitori invece del rimborso propongono di rimandare ad altra data la vacanza, così come le compagnie aeree. Bisogna puntare i piedi e appunto farsi assistere da un’associazione consumatori, che offre assistenza stragiudiziale dietro iscrizione e tesseramento, per un costo di 50 euro».

Ultimo aggiornamento: 13:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci