Juventus, Allegri rilancia: «Per noi non cambia nulla. Ora dobbiamo fare qualcosa di eccezionale. E io rimango in panchina»

Il tecnico alla vigilia della sfida con l'Atalanta: «Accettiamo la sentenza e aspettiamo il ricorso, dobbiamo pensare solo al campo per non ritrovarci con rimpianti tra due mesi»

Sabato 21 Gennaio 2023 di Alberto Mauro
Juventus, Allegri rilancia: «Per noi non cambia nulla. Ora dobbiamo fare qualcosa di eccezionale. E io rimango in panchina»

Profilo basso e una classifica compromessa. Il giorno dopo la sentenza Massimiliano Allegri prova a trasformare la rabbia e la delusione dell’ambiente juventino in forza per ripartire, anche se improvvisamente sembrano essere venuti meno tutti i punti di riferimento. «Accettiamo la sentenza e aspettiamo il ricorso, dobbiamo pensare solo al campo per non ritrovarci con rimpianti tra due mesi quando ci sarà la sentenza definitiva. Ricompattiamoci e continuiamo a lavorare, col profilo basso: per noi non cambia assolutamente niente».

Juventus penalizzata di 15 punti in classifica per il caso plusvalenze: ecco la stangata della Corte Figc. Il club: «È un'ingiustizia». Prosciolte le altre società

«Dobbiamo fare punti, domani è una partita difficile perché l’Atalanta è in ottima forma fisica, alla Juventus non si gioca mai con leggerezza. E’ un grosso imprevisto, ma da questo imprevisto singolarmente se ne esce rafforzati, e la voglia di fare una cosa molto importante che è quella di vincere le partite sul campo, tutte le situazioni si possono trasformare in opportunità. Io sono l’allenatore della Juventus e rimarrò allenatore della Juventus a meno che non mi mandino via. Dobbiamo essere responsabili di dove siamo e di cosa facciamo». Nel primo pomeriggio è previsto un vertice tra squadra e dirigenza: «Stamattina ho parlato con Scanavino, oggi alle 14.30 ci sarà il presidente Ferrero insieme a Scanavino che parleranno alla squadra - conferma Max -. A noi non ci rimane che fare allenamento, preparare le partita e giocare domani con l’Atalanta. Sono dispiaciuto a livello personale per Cherubini, Agnelli, Arrivabene, Nedved e Garimberti. Oltre all’aspetto personale c’è l’aspetto umano che va al di là di questo. Quando ieri sera mi hanno detto dei -15 punti ho fatto il calcolo per quanti punti servivano per entrare in Champions. Dobbiamo fare qualcosa di straordinario».

 

Ultimo aggiornamento: 22 Gennaio, 14:49
© RIPRODUZIONE RISERVATA