Immobile si sfoga dopo le ironie social: «Sul cadavere dei leoni festeggiano i cani»

Mercoledì 22 Gennaio 2020
Immobile si sfoga dopo le ironie social: «Sul cadavere dei leoni festeggiano i cani»

Lazio sconfitta sul campo dal Napoli in Coppa Italia ma unita contro le ironie e le gufate. Specie se alle porte si affaccia un derby contro la Roma. A ruggire contro quelli che lui definisce «cani affamati» ci ha pensato oggi Ciro Immobile, che in risposta alle ironie social dopo l'eliminazione della squadra biancoceleste e per il rigore che ha sbagliato, ha replicato con una storia su Instagram: «Sui cadaveri dei leoni festeggiano i cani, credendo di aver vinto. Ma i leoni rimangono leoni e i cani rimangono cani. Forza Lazio», il post pubblicato dal bomber biancoceleste. Già archiviata la sconfitta del San Paolo, dove Immobile (già 23 reti in 19 partite di campionato) ha anche colpito una traversa. Il derby si giocherà domenica, ma a Roma è già cominciato.

Lazio, scivolate, pali e fuorigioco: Immobile “scopre” il digiuno


L'aria del derby si era già iniziata a respirare al fischio finale di Napoli-Lazio di ieri sera. Con Acerbi e l'ex giallorosso Manolas venuti quasi alle mani, antipasto di un Roma-Lazio che da sempre ha vissuto la sua marcia d'avvicinamento ad altissime frequenze. Che la Lazio faccia paura, poi, lo dicono le 11 vittorie consecutive che fanno dei biancocelesti i favoriti sulla carta. Nei giorni che anticipano il derby capitolino in programma domenica alle 18 allo stadio Olimpico, c'è anche una sorta di botta e risposta a distanza, via social o radio, tra diversi tifosi romanisti e Ciro Immobile. L'ironia sul web per lo scivolone sul dischetto al San Paolo è partita subito, ieri sera, ma qualcuno si è spinto oggi fino ad 'augurarè un infortunio del bomber biancoceleste, tuttora capocannoniere incontrastato della Serie A con 23 reti in 19 partite fin qui disputate.

Ad animare ancora di più la “gufata di alcuni tifosi giallorossi, il ricordo ancora fresco dei cori di sfottò a Zaniolo (operatosi la settimana scorsa al ginocchio per la rottura del legamento crociato) cantati da una parte della curva nord in occasione dell'ultimo Lazio-Sampdoria: «Sui cadaveri dei leoni festeggiano i cani credendo di aver vinto. Ma i leoni rimangono leoni e i cani rimangono cani. Forza Lazio», il post pubblicato da Ciro Immobile sulle sue storie di Instagram. Una frase molto simile a quella scelta dagli Irriducibili per commemorare il loro capo storico Diabolik, rimasto ucciso a Roma a seguito di un agguato lo scorso agosto. La Lazio fa quadrato e pensa già alla Roma, per cancellare il ko con il Napoli e l'eliminazione dalla Coppa Italia e puntare alla 12esima vittoria consecutiva che sarebbe la terza striscia di sempre in Serie A dopo quelle dell'Inter di Mancini (17) e della Juventus di Allegri (15).

Lazio, D'Angelo: «Giusto far pagare gli ultrà, così tuteliamo la tifoseria sana»

«Ce l'abbiamo messa tutta - Mi dispiace. Oggi sono arrabbiato», ha scritto in un post Milinkovic-Savic. Mentre Lucas Leiva ha fatto «mea culpa» per l'espulsione contro il Napoli: «Mi dispiace per ieri, ma imparerò da questo episodio», ha scritto il regista brasiliano, aggiungendo un polemico hashtag «non era mai fallo». Oggi lo scarico a Formello, da domani si entra nel vivo del derby. Incoraggia la presenza alla seduta odierna di Luis Alberto, rimasto a Roma ieri per un affaticamento. Da valutare invece le condizioni di Correa, costretto a giocare ieri per oltre mezzora nella ripresa ma non ancora in perfette condizioni. «Sappiamo l'importanza di Correa per noi - ha specificato in conferenza stampa ieri Simone Inzaghi - aveva fatto solamente due allenamenti con la squadra.Oggi ha fatto quaranta minuti nel modo migliore. È stata una partita dispendiosa, avremo cinque giorni per recuperare dalle fatiche di questo match». L'auspicio è che l'argentino possa recuperare appieno, ma se non darà garanzie toccherà ancora una volta a Caicedo fare coppia con Immobile in attacco.
 

 

Ultimo aggiornamento: 20:30


© RIPRODUZIONE RISERVATA