Per la Juventus buona la prima: con una doppietta di Morata stende la Dinamo Kiev

Martedì 20 Ottobre 2020

La Juve parte forte a Kiev con la prima doppietta in Champions di Morata che regala a Pirlo tre punti d’oro al debutto europeo. Partita più complicata del previsto, ma con parecchi passi avanti rispetto a Crotone. Non solo il risultato, ma anche il ritorno in campo di Dybala (debutto stagionale), la buona prestazione di Kulusevski e anche Cuadrado e Chiesa, schierati sulle rispettive fasce di competenza. Pirlo sta iniziando a mettere insieme i pezzi di un puzzle dal grande potenziale, ancora senza Ronaldo, de Ligt e Mc Kennie. E a Kiev perde pure Chiellini che si ferma dopo nemmeno 20 minuti per un problema ai flessori della coscia destra. Fuori il capitano ci pensa Bonucci e far quadrare la difesa, la Juve fatica a sfondare e il primo tempo si chiude con un paio di occasioni (tiro di Chiesa e tacco di Kulusevski) e poco più. A inizio ripresa un tiro di Kulusevski innesca la respinta vincente di Morata per l’1-0, la Juve ora può gestire e la Dinamo non dà mai l’impressione di poterla riacciuffare. Proprio quando i ragazzi (8 su 11 debuttanti in Champions) di Lucescu si sbilanciano in cerca del pareggio la Juve piazza la zampata decisiva, ancora Morata, di testa, su assist preciso di Cuadrado. Dybala stavolta entra ma non incide, Bonucci non sbaglia un pallone, da rivedere la coppia di centrocampo Bentancur - Rabiot, ben al di sotto delle aspettative. Morata è inarrestabile, ma questa squadra ha ampi margini di miglioramento,  Pirlo li sta iniziando a scoprire.
 

 LEGGI LA CRONACA
 

Ultimo aggiornamento: 21:13
© RIPRODUZIONE RISERVATA