Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

L'estate dei portieri: Napoli e Lazio cambiano tutto. Inter Onana o Handa? La Juve parte senza Szczesny

Venerdì 12 Agosto 2022 di Alberto Mauro
L'estate dei portieri: Napoli e Lazio cambiano tutto. Inter Onana o Handa? La Juve parte senza Szczesny

Porte girevoli, nel vero senso della parola. Perché mai come quest’anno l’incertezza corre tra i pali, tra addi illustri e grandi squadre ancora alla ricerca di certezze in area di rigore. Poche le conferme, molti i volti nuovi e c’è chi ha addirittura rivoluzionato il reparto in toto come Napoli e Lazio: Sarri in questo momento ha solo l’imbarazzo della scelta tra Provedel e Maximiano, giovane ma già una sicurezza. Mentre Spalletti ha deciso di puntare sull’esperienza; fuori Meret in prestito, dentro Sirigu e un big tra Navas e Kepa, con il secondo in vantaggio per la maglia da titolare azzurra. Anche per Juventus e Milan qualcosa cambierà: scontatissime le conferme di Szczesny e Maignan, ma in questo momento il numero uno polacco è out ancora almeno due settimane per un problema addominale, e quindi toccherà a Perin iniziare la stagione. Mentre tra i rossoneri ha salutato Dida e il nuovo preparatore dei portieri sarà l’ex Flavio Roma.

Dettagli che possono fare la differenza nell’arco di una stagione, così come le gerarchie in casa Inter, ancora tutte da definire. Perché in teoria il numero uno nerazzurro sarà Onana, ma Handanovic non si rassegna al ruolo di secondo. Inzaghi dovrà gestire un delicato dualismo, con Handa probabilmente titolare nelle prime partite, per dar tempo e modo ad Onana di adattarsi al meglio. Mentre il vice della scorsa stagione, Radu, paga a carissimo prezzo l’errore clamoroso nel finale di campionato che è costato lo scudetto ai nerazzurri ed è finito in prestito alla neopromossa Cremonese. Il Monza ha messo a segno il colpo Cragno, la Roma ha puntato su Svilar come vice Rui Patricio, il Verona su Perilli alle spalle di Montipò, a Lecce è arrivato Falcone dalla Samp che ha confermato Audero. E anche la Fiorentina ha deciso di affidarsi a Gollini, prestito dall’Atalanta dove è tornato Carnesecchi, mentre Dragowski è un nuovo giocatore dello Spezia. Non cambiano Udinese, Empoli, Salernitana e Sassuolo rispettivamente con Silvestri, Vicario, Sepe e Consigli mentre il Toro ha ancora diversi dubbi su Vanja Milinkovic Savic e sta valutando nomi in entrata.

Ultimo aggiornamento: 15:13
© RIPRODUZIONE RISERVATA