Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Putin e la paranoia per House of Cards. Al cinema e in tv febbre da ritratto: in arrivo una serie e due film

Boom di produzioni per raccontare il presidente russo tra potere, affari e misteri

Giovedì 19 Maggio 2022 di Ilaria Ravarino
Putin e la paranoia per House of Cards. Al cinema e in tv febbre da ritratto: in arrivo una serie e due film

Un compito delicatissimo, affidato a uno degli uomini di fiducia del cerchio magico di Putin: guardare tutte le puntate della serie Netflix House of Cards, perché, parola di Vladimir, «sono un'ottima cartina tornasole per comprendere la politica americana». Il curioso episodio lo descriveva il giornalista russo Mikhail Zygar nel suo libro All the Kremlin's Men (Tutti gli uomini del Cremlino), uscito nel 2016 e costruito raccogliendo testimonianze indiscrete, e perlopiù anonime, degli ex fedelissimi di Putin.

Il bestseller

Un testo diventato un best seller in Russia, che oggi si prepara a diventare una serie tv, scritta dallo stesso Zygar, nel frattempo licenziato dalla rete tv Dozhd, e presentata ieri dal produttore ucraino Alexander Rodnyansky con queste parole: «Una versione russa di House of Cards che mostra, passo dopo passo, come la mente di Putin sia caduta in una paranoia cospirazionista alimentata dalle persone che gli sono più vicine». Al centro della serie, su cui Apple Tv avrà diritto di prelazione in virtù di un accordo con la casa di produzione - la stessa nominata all'Oscar con i film Leviathan e Loveless - non c'è solo la storia dell'ascesa di Putin, da ex ufficiale del KGB a uno dei politici più temuti al mondo, ma tutto il dietro le quinte del Cremlino, tra scandali, potenti oligarchi e servizievoli esecutori.

Putin malato, lo strano movimento del piede durante un incontro: la sindrome delle "gambe senza riposo" collegata al Parkinson

Un tema, quello della Putinocrazia (il neologismo è di Zygar) che sull'onda del conflitto ucraino, e di provvedimenti sempre più censori della Russia e dei suoi alleati (è di ieri la notizia del divieto di vendita in Bielorussia del romanzo 1984 di George Orwell: arrestato il direttore della casa editrice che lo pubblicava), ricorre sempre più spesso in formati e su supporti diversi. È italiano, di Chora Media, il podcast Nella mente di Putin, firmato dal giornalista Enrico Franceschini - dal 1990 corrispondente da Mosca - e articolato in dieci brevi puntate che ripercorrono l'ascesa del politico, dall'infanzia in povertà nella periferia di Leningrado fino all'attacco all'Ucraina, con un'attenzione particolare alle dinamiche psicologiche di rivalsa scattate nella sua mente. Sono invece russi due film presentati in questi giorni al mercato di Cannes, che scavano nel lato più oscuro dell'era putiniana. Il primo, Mother Russia, è una biografia della giornalista Anna Politkovskaja, assassinata a Mosca nel 2006 dopo aver denunciato nelle sue inchieste le irregolarità del governo Putin: Politkovskaja avrà il volto di Maxine Peake (vista ne La teoria del tutto), e accanto a lei ci saranno l'ex Marvel Ciaran Hinds e il Lucius Malfoy di Harry Potter Jason Isaacs, sul set a fine anno per la regia di James Strong. È un documentario l'altro progetto di Cannes, Ice Under his Feet dell'attivista Kirill Nenashev, già autore nel 2016 del film Putin Forever?, sull'assassinio - avvenuto nel 2015 a Mosca - del politico e scienziato Boris Nemtsov.

La produzione

Il nuovo film, prodotto dalla casa di produzione russa Antipode, in autoesilio in Israele, racconterà la storia di Masha e Ilya, giovani attiviste nate e crecsiute durante l'era Putin. Al cinema e sulla piattaforma IWonderfull.it (dopodomani anche su NOVE) c'è da una settimana Navalny, il documentario di Daniel Roher vincitore di due premi al Sundance, sul tentato avvelenamento del fondatore del partito Russia del Futuro, e oppositore di Putin, Alexei Navalny. E proprio di Navalny è la voce del documentario del 2021 Putin's Palace, disponibile gratis con sottotitoli su YouTube, sugli scandali dietro alla costruzione della residenza del politico. Oltre al documentario della BBC Putin - Ultimo Zar, passato sul NOVE lo scorso marzo, sulle piattaforme sono disponibili The Putin Interviews, le interviste di Oliver Stone a Putin (Amazon Prime Video) e Winter on Fire (Netflix) il documentario di Evgeny Afineevsky sulle rivolte ucraine del novembre 2013, per comprendere le ragioni di un'invasione nell'aria da almeno otto anni.

 

Ultimo aggiornamento: 09:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA