Roma, arriva il ristorante per cani e gatti: i pasti sono anche in versione "light"

Martedì 31 Maggio 2016 di Luisa Mosello
Cani e gatti al ristorante?

Serviti e riveriti. Anche a tavola. Anzi in ciotola. E’ l’ultima coccola-tendenza dedicata agli amici a quattro zampe sempre più curati e vezzeggiati. Forse troppo? Forse no, perché chi ha un cane o un gatto sa bene cosa significhi godere della sua compagnia e quanto sia importante il suo benessere ma certo è che l’arrivo addirittura di un ristorante dedicato a loro potrebbe far sorridere. Fatto sta che fra qualche settimana il primo locale del genere a Roma aprirà fra Prati e Trionfale. Non avrà proprio tavoli e “sedie” dove far accomodare Fido e Fuffi ma più che altro sarà un laboratorio di cucina in cui vengono preparati piatti gourmet d’alto abbaio e miagolio sotto la guida di un medico veterinario esperto in nutrizione. In pratica un’alternativa ai pasti confezionati, crocchette e scatolette varie per chi ha voglia di regalare un pranzo o una cena da leccarsi, letteralmente i baffi, e magari non ha il tempo per prepararla da solo.
 

 


L’ennesimo segnale di quanto i nostri animali stiano diventando sempre più “umanizzati” è anche la grande varietà dei cibi che sia nei negozi che nelle catene di distribuzione realizzati per soddisfare non solo i gusti ma le “scelte” dei quattro zampe o meglio dei loro padroni in fatto di alimentazione. Che viene offerta proprio come in un menù, in una carta ad hoc per le diverse esigenze, proprio come accade per noi. E allora ecco proposte light, con pochissime calorie per cani e gatti che non devono ingrassare, quando sono poco attivi o sterilizzati, oppure del genere fitness per quelli che fanno molto movimento, monoproteiche per chi ha problemi digestivi o è intollerante a qualche alimento, o anche portate tagliate (a pezzettini) su misura per chi vuol far diventare crudista anche il suo amico peloso.

A ben vedere le cifre del settore pet-food si può capire la portata del fenomeno: secondo gli ultimi dati del settore nel 2015 le famiglie italiane hanno speso ben 2 miliardi di euro per nutrire il proprio animale domestico. Una tendenza verso l’aumento che fa crescere anche i problemi per i quattro zampe che sempre più spesso vengono iper nutriti, come i bambini, e diventano proprio come gli umani sempre più obesi e in sovrappeso (quasi il 40% sia dei cani che dei gatti) . Come dire, più che portarli al ristorante forse sarebbe meglio un po' di pappa in meno e qualche corsa in più al parco.

Ultimo aggiornamento: 2 Giugno, 21:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA