Vaccino Lazio, prenotazioni terza dose da oggi possibili anche in farmacia

Giovedì 30 Settembre 2021
Vaccino, prenotazioni terza dose da oggi possibili anche in farmacia

«Da oggi è possibile prenotarsi per la terza dose di vaccino anti-Covid anche in farmacia. Al momento, sono più di 600 le farmacie del Lazio arruolate ma, come già accaduto nel caso dei tamponi rapidi e test sierologici e delle vaccinazioni contro il Covid avviate lo scorso giugno, il numero è destinato ad aumentare nel corso delle prossime settimane». Così Andrea Cicconetti, presidente di Federfarma Roma.

«Grazie alla Regione Lazio aggiungiamo dunque, tra i primi in Italia, un nuovo, fondamentale servizio alla cittadinanza senza interrompere né l'attività di screening né le vaccinazioni con prima e seconda dose di Moderna - sottolinea -. E a breve daremo il via anche alla campagna vaccinale antinfluenzale».

Bollettino Covid, oggi 30 settembre 2021: i dati delle Regioni

Prenotazioni aperte solo agli ultraottantenni

Per il momento le prenotazioni sono aperte agli ultraottantenni. Le vaccinazioni - si legge in una nota - partiranno lunedì 4 ottobre. Il vaccino che verrà somministrato è Spikevax di Moderna, ma entro metà ottobre, contestualmente all'allargamento delle fasce di popolazione vaccinabili, verranno accolte anche le prenotazioni per la terza dose con il vaccino Comirnaty di Pfizer/BioNTech.

Covid, curva in discesa ma cinque ricoveri in più in un giorno. Immunizzato l'80% degli over 12

Prenotazioni anche sul portale

«Come al solito - spiega ancora Cicconetti -, il cittadino non dovrà fare altro che andare sul portale della Regione Lazio e scegliere la farmacia più vicina a casa. Si tratta di un importantissimo attestato di stima da parte della Regione e della giusta riconoscenza per il grande lavoro svolto dalle farmacie dal primo giugno ad oggi in tema di vaccinazioni contro Covid. Ringraziamo dunque la Regione Lazio che ci hanno dato nuovamente la possibilità di dimostrare la professionalità, la capillarità e il ruolo fondamentale all'interno del Servizio sanitario regionale delle farmacie e di tutto il personale che ci lavora».

© RIPRODUZIONE RISERVATA