Arkansas, eseguita quarta condanna a morte in otto giorni

Venerdì 28 Aprile 2017
Arkansas, eseguita quarta condanna a morte in otto giorni

Quarta esecuzione di un condannato a morte in Arkansas in una settimana: il detenuto Kenneth Williams, 38 anni, condannato per l'uccisione di due persone avvenuta a seguito della fuga da un carcere di massima sicurezza dove scontava l'ergastolo per omicidio è morto alle 23.05 locali con iniezione letale. La Corte Suprema ha respinto anche l'ultimo appello dei legali, che hanno invocato la disabilità mentale del loro assistito.

Le quattro esecuzioni sono state realizzate in tempi ristretti per rientrare nei termini di scadenza delle sostanze usate per comporre il cocktail letale. La prima esecuzione - giovedì - è stata quella di Ledell Lee, quindi lunedì sono state condotte le esecuzioni di Jack Jones e Marcel Williams. Lo stato dell'Arkansas ne aveva messo in calendario otto entro la fine del mese quando scadono le scorte di midazolam, un sedativo usato in maxi-dose assieme ad altri due veleni per mettere a morte condannati. Le ultime parole del condannato, rivolte alle vittime, sono state: «Chiedo umilmente perdono io non sono la stessa persona che ero prima».

Mercoledì scorso il detenuto ha ricevuto la visita della figlia 21enne, che non vedeva da 17 anni: a pagare il volo della ragazze la famiglia di una delle sue vittime che in una accorata lettera al governatore dell’Arkansas aveva chiesto di risparmiare la vita all’uomo. Pur colpito dal contenuto della missiva il governatore dello stato Asa Hutchinson, ha respinto la richiesta.
 

Ultimo aggiornamento: 29 Aprile, 08:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA