Libia, l'Italia invia più militari

Lunedì 13 Gennaio 2020 di Marco Conti
Libia, l'Italia invia più militari

Dopo la tregua il governo ha intensificato i suoi sforzi per avviare la tanto invocata soluzione politico-diplomatica. Il cessate il fuoco tra le forze del generale Haftar e del premier libico Al Serraj, seppur fragile, era il primo obiettivo ed è stato raggiunto grazie soprattutto al peso esercitato da Mosca ed Ankara. Ora il secondo passo è arrivare a fissare una data alla Conferenza di Berlino, invocata dall'Italia e sulla quale si sta spendendo molto la cancelliera Angela Merkel. L'appuntamento sarà solo il primo passo di un processo che si annuncia molto lungo, ma nel frattempo - si ragiona a palazzo Chigi - ci sarà bisogno di assicurare che le armi tacciano e che le due principali fazioni evitino di scontrarsi di nuovo.

Libia, Putin convoca Haftar e Serraj: «A Mosca per negoziare la tregua»

Libia, la via per la stabilità passa per il summit di Berlino
 

LE ARMI
E' per questo che il ministro degli Esteri Luigi Di Maio - che oggi sarà a Tunisti - continua a spingere per dar vita a una missione di interposizione in Libia, simile all'operazione Unifil in Libano a comando italiano realizzata per garantire il rispetto del cessate il fuoco tra Israele e le milizie di Hezbollah. Un coinvolgimento dei caschi blu che dovrebbe avvenire dietro richiesta dei libici e che Al Serraj ha già fatto capire di essere favorevole. In attesa di questo possibile scenario, il ministero della Difesa sta approntando un nuovo decreto missioni che tenga conto della necessità di dover rafforzare la nostra presenza in Libia. Attualmente la missione italiana, composta di circa 250 uomini, lavora a protezione dell'ospedale da campo di Misurata e sostiene la guardia costiera libica impegnata a contrastare il traffico di armi ed esseri umani. Già qualche giorno fa il ministro della Difesa Lorenzo Guerini aveva parlato dell'esigenza di una «riconfigurazione» delle missioni che potrebbe alla fine portare in Libia un numero maggiore di uomini e mezzi distogliendoli da altri scenari di crisi. Con una spesa di un miliardo e mezzo l'Italia ha ad oggi circa 500 militari in Kosovo, un migliaio in Libano, 800 in Afghanistan e 900 in Iraq.

Rispolverare la missione Sophia, aumentare la disponibilità del contingente italiano in Libia, e magari anche in Somalia e Niger, significa tenersi pronti per un'eventuale missione che le Nazioni Unite potrebbero predisporre come conclusione della Conferenza di Berlino. E' anche per questo che negli ultimi tempi l'Italia ha ricentrato i rapporti con le due fazioni che si contrappongono in Libia e ha avviato una serie di contatti anche con i Paesi che sostengono il generale Haftar. Il cessate il fuoco ha aperto spiragli al tentativo italiano di riacquistare un ruolo centrale nella faccenda libica. Dopo l'annuncio della tregua palazzo Chigi e Farnesina hanno raddoppiato gli sforzi per arrivare alla Conferenza di Berlino con un ruolo pacificatore, forti anche del sostegno europeo. I contatti telefonici di ieri con Vladimir Putin, di nuovo con Serraj e con la cancelliera Merkel di Conte preparano il viaggio ad Ankara di oggi dove incontrerà il presidente turco Erdogan e l'incontro del giorno seguente al Cairo con il presidente egiziano Abdel Fattah Al Sisi. Il primo sostiene Al Serraj e il secondo - insieme ai contractors russi - il generale Haftar, ma per l'Italia è fondamentale portare allo stesso tavolo tutti i protagonisti della tormentata vicenda libica iniziata nel 2011 con la quantomeno improvvida missione voluta dai francesi.

LE MOSSE
Ma Conte con Erdogan non deve solo da discutere di Libia, ma anche del recente accordo che la Turchia ha firmato a novembre con Serraj e che punta a ridisegnare i confini marittimi creando una sorta di continuità tra Libia e Turchia che poco piace ad Egitto e Quatar e che, soprattutto, ha scatenato le ira di Grecia e Cipro che in quella parte di Mediterraneo hanno ben altri progetti. Nella speranza di riuscire a rientrare pienamente in partita attrezzando una sorta di missione Unifil insieme ad altri Paesi europei, il governo italiano segue con estrema attenzione le mosse di Mosca e di Ankara. Putin, che oggi dovrebbe incontrare sia Haftar che Serraj, prova a ripetere lo schema adottato in Siria nella consapevolezza che il premier di Tripoli ha più credibiità internazionale ma molto meno sostegni militari del suo rivale di Bengasi. L'attivismo russo contribuisce a quella partizione in tre della Libia alla quale anche l'Italia rischia di doversi adeguare sperando, Turchia permettendo, di poter conservare peso in Tripolitania. Delle implicazioni che la situazione in Libia ha sulla sicurezza nazionale, Conte mercoledì informerà il Copasir.
 

 

Ultimo aggiornamento: 15:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci