Tensioni nella maggioranza Giorgetti nel mirino M5S per la manovra di Bilancio

Giovedì 22 Novembre 2018 di Marco Conti
ROMA Chiama in causa persino Giovanni Malagò e la riforma del Coni, il vicepremier Luigi Di Maio per spiegare perché ieri i suoi deputati puntavano il dito contro Giancarlo Giorgetti, accusato di aver voluto l’emendamento sul peculato al ddl  anticorruzione. Ma nel Carroccio nessuno crede alla versione. Piuttosto c’è chi accusa i grillini di tramare contro il sottosegretario leghista che viene accusato dal M5S di essere troppo sensibile alle tensioni sui mercati, allo spread e alle preoccupazioni per la tenuta della manovra di Bilancio. 

Metterlo nella lista dei cattivi, per i grillini, vale a costruire sul sottosegretario una narrazione ad uso della propaganda, ma che non contribuisce a rasserenare il clima tra alleati. © RIPRODUZIONE RISERVATA