Green Pass, quando può essere revocato: dalla notifica all'inserimento nella "lista"

Domenica 8 Agosto 2021
Green Pass, quando può essere revocato: dalla notifica all'inserimento nella "lista"

Dai ristoranti alla palestra, sono numerose i servizi e le attività a cui il Green Pass permette di accedere dallo scorso 6 agosto. Ma la certificazione verde, che attesta l'avvenuta vaccinazione, la guarigione da Covid o la negatività di un tampone, può anche essere revocata. L'annullamento della validità del certificato può avvenire per diverse ragioni.

 

Green Pass, i casi di revoca

 

Il Green pass dal 6 agosto serve per accedere a qualsiasi tipo di servizio di ristorazione al tavolo al chiuso, spettacoli, eventi e competizioni sportive, musei, istituti e luoghi di cultura, piscine, palestre, centri benessere, fiere, sagre, convegni e congressi, centri termali, parchi tematici e di divertimento, centri culturali e ricreativi, sale da gioco e casinò, concorsi pubblici. Dal 1 luglio il pass è valido anche come EU digital COVID certificate e rende più semplice viaggiare da e per tutti i Paesi dell'Unione europea e dell’area Schengen.

 

Vaccini all'estero, come ottenere il Green pass? La procedura per chi torna nel Lazio

 

 

Il Green Pass viene rilasciato dal Ministero della Salute sulla base dei dati trasmessi dalle Regioni e Province Autonome relativi alla vaccinazione, alla negatività al test o alla guarigione dal COVID-19. La certificazione è emessa in formato digitale stampabile. Una notifica o un avviso via email o via SMS avvisano l'interessato quando il certificato è pronto pronto per essere scaricata tramite tessera Sanitaria o identità digitale (Spid/Cie), l'app immuni, l'app Io o tramite il Fascicolo Sanitario Elettronico Regionale. Come si legge sul sito del governo, il Green pass può essere revocato, in caso di positività al Covid o in caso di scadenza. 

 

Tamponi in farmacia a prezzo calmierato: è gelo. Federfarma: «Speriamo aderisca la metà»

 

1. Positività al Covid

 

Il lasciapassare può essere revocato nel caso si risulti positivi al Covid, qualora un ospedale pubblico, un medico di base o un pediatra dovessero comunicare alla piattaforma nazionale la positività di una persona vaccinata o guarita dal virus. Il sistema inserirà l’interessato nella “lista di revoca” e gli invierà una notifica. Un SMS o un email avvertono che la certificazione di cui si era in possesso non è più valida.

 

Green pass, Cauda: «I furbetti danneggiano se stessi e noi, così si rischia di vanificare tutto»

 

2. Scadenza di validità

 

Nel secondo caso il Green Pass può essere "annullato" per scadenza di validità: la durata della Certificazione varia a seconda della prestazione sanitaria a cui è collegata. 

  • In caso di vaccino: per la prima dose dei vaccini che ne richiedono due, la Certificazione sarà generata dal 12° giorno dopo la somministrazione e avrà validità a partire dal 15° giorno fino alla dose successiva; nei casi di seconda dose o dose unica per pregressa infezione, la Certificazione sarà generata entro un paio di giorni e avrà validità per 270 giorni (circa nove mesi) dalla data di somministrazione; nei casi di vaccino monodose, la Certificazione sarà generata dal 15° giorno dopo la somministrazione e avrà validità per 270 giorni (circa nove mesi).
  • Nei casi di tampone negativo la Certificazione sarà generata in poche ore e avrà validità per 48 ore dall’ora del prelievo.
  • Nei casi di guarigione da Covid-19 la Certificazione sarà generata entro il giorno seguente e avrà validità per 180 giorni (6 mesi).

 

 

 

Green Pass, dove è obbligatorio

 

La Certificazione verde Covid è richiesta in Italia per partecipare alle feste per cerimonie civili e religiose, accedere a residenze sanitarie assistenziali o altre strutture, spostarsi in entrata e in uscita da territori classificati in "zona rossa" o "zona arancione".

Dal 6 agosto è necessaria, inoltre, per accedere ai seguenti servizi e attività:

  • servizi di ristorazione svolti da qualsiasi esercizio per il consumo al tavolo, al chiuso;
  • spettacoli aperti al pubblico, eventi e competizioni sportivi;
  • musei, altri istituti e luoghi della cultura e mostre;
  • piscine, centri natatori, palestre, sport di squadra, centri benessere, anche all’interno di strutture ricettive, limitatamente alle attività al chiuso;
  • sagre e fiere, convegni e congressi;
  • centri termali, parchi tematici e di divertimento;
  • centri culturali, centri sociali e ricreativi, limitatamente alle attività al chiuso e con esclusione dei centri educativi per l’infanzia, compresi i centri estivi, e le relative attività di ristorazione;
  • attività di sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò;
  • concorsi pubblici.

 

Variante Delta, Abrignani (Cts): «Niente chiusure a ottobre se si accelera con i vaccini»

 

Green Pass per scuola e trasporti

 

Dal 1 settembre 2021, inoltre, il personale scolastico e universitario e gli studenti universitari dovranno esibire la Certificazione verde Covid-19.Sempre a decorrere dal primo settembre sarà consentito esclusivamente ai soggetti muniti di Green Pass l’accesso e l’utilizzo dei seguenti mezzi di trasporto:

  • aeromobili adibiti a servizi commerciali di trasporto di persone;
  • navi e traghetti adibiti a servizi di trasporto interregionale, ad esclusione di quelli impiegati per i collegamenti marittimi nello Stretto di Messina;
  • treni impiegati nei servizi di trasporto ferroviario passeggeri di tipo Inter City, Inter City Notte e Alta Velocità;
  • autobus adibiti a servizi di trasporto di persone, ad offerta indifferenziata, effettuati su strada in modo continuativo o periodico su un percorso che collega più di due regioni ed aventi itinerari, orari, frequenze e prezzi prestabiliti; autobus adibiti a servizi di noleggio con conducente, ad esclusione di quelli impiegati nei servizi aggiuntivi di trasporto pubblico locale e regionale.

 

Green pass, crescono i ristoratori reatini che non apriranno gli spazi interni

 

Chi non deve esibire il Green Pass

 

L’obbligo della Certificazione verde Covid non si applica per accedere alle attività e ai servizi sul territorio nazionale ai bambini sotto i 12 anni, gli esclusi per età dalla campagna vaccinale e i soggetti esenti per motivi di salute dalla vaccinazione sulla base di idonea certificazione medica. 

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 9 Agosto, 09:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA