Di Battista: «Non so se il governo durerà: Salvini provoca tutti i giorni» Lite con Di Maio

Sabato 22 Giugno 2019
Di Maio attacca Di Battista per la frase «Burocrati chiusi nei ministeri» che ha scritto nel suo ultimo libro

«Il governo dura? Non lo so: perché vedo Salvini che provoca tutti i giorni. E sono convinto che nella logica di Salvini ci sia l'idea di mandare tutto all'aria per mero tornaconto personale». Dalla Sicilia, in un momento delicatissimo nei rapporti tra M5S e Lega, arriva il nuovo attacco alla Lega di Alessandro Di Battista. 

LEGGI ANCHE: M5S, Casaleggio boccia Di Battista: no all'abolizione della regola dei due mandati
LEGGI ANCHE: Di Maio: aiutatemi con la Lega. Gelo con Di Battista che rinvia il tour

Il «frontman» del M5S torna sul palco, intervenendo all'evento Rousseau City Lab di Catania in cui si concentra, soprattutto, sul tema del lavoro e dell'occupazione, con ampi excursus sul viaggio negli Usa e in America Latina. Ma è prima di salire sul palco che il «Dibba» lancia i suoi strali. «Ascolto Salvini e ogni giorno si 'berlusconizzà di più: farà trapianti, inizierà a mettere i tacchi. Sarà più Berlusconi di prima», afferma l'ex parlamentare, ricordando che «se salta il governo salta il taglio dei parlamentari» e precisando: «A Salvini mandai un messaggio prima della formazione del governo e gli dissi 'molla Berlusconì che possiamo fare un sacco di cose. Per cui il mio non è un attacco personale a Salvini. Vorrei che attaccasse i poteri forti e decidesse di stare dalla parte degli italiani». Parole, quelle di Di Battista, che sono in piena linea con i timori che serpeggiano da giorni nel M5S di governo. Tanto che il «Dibba» si lascia andare anche a più di un complimento per il premier Giuseppe Conte: «nella trattativa con l'Ue mi fido di lui, è ingiusto punire l'Italia».

Da Catania il frontman M5S tenta anche di spegnere ogni polemica con Luigi Di Maio dopo le critiche lanciate dal suo libro al Movimento di governo. «Domani lo chiamo ed è tutto a posto. Non mi interessa assolutamente questa polemica». Eppure, ancora ieri, parlando con gli attivisti in Umbria, Di Maio non aveva mancato di manifestare la sua irritazione alla vigilia, peraltro, dell'evento Rousseau che a Catania ha visto sullo stesso palco Davide Casaleggio e Di Battista. Anche in questo caso, tuttavia, il fondatore di Rousseau nega con determinazione qualsiasi asse contro Di Maio. «L'incontro era programmato da tempo. Da anni ormai i media tradizionali non fanno altro che sollevare fantasiosi retroscena per dividere il M5S. Non ci sono mai riusciti e non ci riusciranno», sottolinea Casaleggio.

E alla fine, l'intervista a Di Battista non ha luogo: il figlio del «guru» del M5S, dopo un lungo intervento sul tema del lavoro («dobbiamo investire in Ricerca e Sviluppo o le nostre imprese resteranno indietro, non bisogna tutelare il lavoro di fronte all'innovazione, ma i lavoratori», è il suo invito) presenta, semplicemente, l'ex parlamentare M5S. E, anche sul tema della deroga al doppio mandato da Casaleggio non arriva nessun sì alla proposta del Dibba di una deroga per i parlamentari in caso di crisi di governo. «La riflessione sulla deroga riguarda i consiglieri comunali», precisa Casaleggio. E Di Battista gli fa eco: «La deroga per i parlamentari è una cosa mia personale e l'ho proposto soltanto perché non vorrei che per un capriccio politico personale Salvini butti tutto all'aria», sottolinea.

Nel pomeriggio Di Maio aveva attaccato l'amico Di Battista: «Noi siamo andati al governo per fare le cose, finché ci consentirà queste condizioni di farle, io continuerò. Perché se invece il tema è fare il ragionamento politico...  è per questo che io mi sono incazzato in questi giorni quando ho sentito questa frase "burocrati chiusi nei ministeri". Ma io lavoro un terzo, ragazzi, lavoro un quinto. In campagna elettorale ho fatto 10 mila chilometri in un mese, perché fino al mese prima abbiamo lavorato a Roma nei ministeri a tambur battente».

Così il leader del M5s Luigi Di Maio si era sfogato con alcuni attivisti del Movimento di Terni in un'assemblea territoriale che si è svolta a porte chiuse, come risulta da alcune registrazioni audio rubate e pubblicate da Fanpage.it. La frase citata (burocrati chiusi nei ministeri) è dell'ex deputato 5S Alessandro Di Battista e riportata nel suo ultimo libro «Politicamente scorretto».

 

Ultimo aggiornamento: 23 Giugno, 01:40 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci