Tav, il Cipe dà il via libera al progetto: 850 milioni per attraversare la città

Giovedì 26 Novembre 2020 di Roberto Cervellin
Ecco come potrebbe diventare la futura stazione di Vicenza
1

VICENZA - Un'opera da 850 milioni di euro, di cui 150 già finanziati. Sulla carta, l'attraversamento di Vicenza dell'Alta Velocità è pronto. E' quello contenuto nel progetto preliminare della tratta Verona-Padova. Progetto che definisce l'ingresso a ovest e l'affiancamento dei binari alla linea storica.

Il Cipe, Comitato interministeriale per la programmazione economica, ha approvato il primo atto dell'attesa infrastruttura destinata a completare il passaggio in città del treno veloce. «Si chiude un iter che nel corso degli anni ha avuto uno sviluppo complesso - sottolinea Elisa De Berti, vicepresidente e assessore alle infrastrutture e trasporti della Regione - Aggiungiamo un altro importante tassello al completamento della nuova linea Av/Ac Torino-Milano-Venezia, infrastruttura ferroviaria fondamentale per migliorare la mobilità del territorio, in quanto assicura una significativa riduzione dei tempi di percorrenza, l'alleggerimento della rete ordinaria e l'incremento della qualità e dell'affidabilità del servizio».

Il percorso interessa Altavilla Vicentina, Creazzo, Sovizzo, Torri di Quartesolo e Vicenza. Prevede una nuova fermata in Fiera, la riqualificazione della stazione del capoluogo e interventi sulla linea storica. Nel pacchetto rientrano inoltre la linea di bus elettrici est-ovest per 12 km e il riassetto della viabilità per garantire l'accesso rapido alla stazione da ovest a est.

Di recente sul tema il Comune di Vicenza aveva avuto un incontro con Rfi: «Vogliamo portare avanti una politica di condivisione con il territorio, per cui organizzeremo confronti pubblici con la cittadinanza man mano che si andrà avanti con soluzioni e progettazioni - aveva detto il sindaco Francesco Rucco - Cercheremo di privilegiare percorsi con il minor impatto ambientale e disagio per i cittadini».

Ultimo aggiornamento: 15:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA