A caccia di Covid sui bus di Atvo e Mom Treviso: i mezzi passati al setaccio con lo scanner

Sabato 10 Aprile 2021 di Marco Corazza
Atvo, prima azienda in Italia a effettuare i tamponi nei bus

Anche i bus di Atvo e Mom faranno i... tamponi. Le Aziende dei trasporti pubblici di Veneto e Friuli Venezia Giulia hanno deciso di sottoporre i propri autobus allo "scanner" del microscopio. «Ogni settimana – spiega il direttore di Atvo, Stefano Cerchier – i mezzi verranno sottoposti a "tampone": ciò significa che verranno raccolti campioni nei punti interni che più vengono a contatto con le persone, come i campanelli, i maniglioni di salita e discesa e i poggiatesta. Nel caso in cui risultassero tracce di Covid-19, il mezzo verrebbe fermato e sottoposto ai trattamenti specifici”. “La sicurezza di chi viaggia, oltre a quella dei nostri collaboratori, è prioritaria per noi – ha premesso il presidente di Atvo, Fabio Turchetto – per questo abbiamo deciso di avviare procedura che ci permette di dare ulteriori garanzie ai nostri utenti».
A oggi, dopo qualche giorno di sperimentazione, non si è verificato alcun caso. Non solo. Qualche giorno fa i Nas dei Carabinieri hanno effettuato dei controlli specifici (come fatto praticamente in tutta Italia nell’ambito dei mezzi di trasporto pubblico) e tutto è risultato in ordine, sia nei mezzi che all’interno dei terminal. Atvo è l’unica azienda in Italia, assieme alla Mom di Treviso, ad effettuare i tamponi ai bus per la verifica di eventuali tracce di Covid-19.

Ultimo aggiornamento: 13:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA