Controllo della velocità sulla Sr 88, dopo l'autovelox si pensa al tutor

PER APPROFONDIRE: autovelox, lendinara, sr 88, tutor
Controllo della velocità sulla Sr 88, dopo l'autovelox si pensa al tutor

di Ilaria Bellucco

LENDINARA - Non saranno installati nuovi autovelox, ma si valuta l'ipotesi tutor per il tratto urbano della Sr 88 e gli apparecchi esistenti in futuro dovranno pizzicare anche i furbetti che passano sulla corsia opposta per cercare di sfuggire. Sono le novità stabilite dalla giunta comunale che con un atto d'indirizzo approvato ieri ha definito la prosecuzione dell'attività dei dispositivi, usati per rilevare l'eccesso di velocità e multare gli automobilisti che pigiano troppo sull'acceleratore. 

LINEE GUIDA
Si tratta di un atto approvato per definire l'utilizzo futuro degli apparecchi in tempo utile, dato che il contratto biennale di noleggio attualmente in essere scadrà all'inizio del 2019. Col prossimo bando di gara si individuerà la ditta che fornirà al Comune gli apparecchi a noleggio per due anni, con possibilità di proroga di un ulteriore anno, occupandosi anche della manutenzione...
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 14 Marzo 2018, 13:20






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Controllo della velocità sulla Sr 88, dopo l'autovelox si pensa al tutor
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2018-03-14 20:54:54
.. si pensi piuttosto a tappar buche, rendere le strade degne di questo nome e di risistemare una segnaletica che definirsi anarchica è un eufemismo.. la velocità va rispettata. ma deve essere quella adeguata al contesto .. e non per altro scopo..
2018-03-14 16:34:09
Più che un controllo della velocità, si tratta di fare cassa. Visto che in quel tratto di strada la velocità limite è di 50Km l'ora, e visto che i proventi delle contravvenzioni non vengono utilizzate per la manutenzione delle strade italiane, ordino di viaggiare a 20Km l'ora. Vedi esempio di una protesta fatta in Via Dei Mille Mardimago Rovigo. La colpa non è dei vigili urbani che tutti i giorni sono a rischio, ma di chi incassa. Ma il 75% di tasse che i cittadini italiani con il frutto di lavoratore dipendente, lavoro privato e statale e relative tasse in bolletta e imposte varie che pagano, che fine fanno? L'Italia sta diventando un paese di quarto mondo. Vergogna!!