Domenica 23 Giugno 2019, 21:40

Sempre più giovani polesani non studiano né cercano lavoro

PER APPROFONDIRE: formazione, giovani, lavoro, università
Una foto di archivio di giovani alla scoperta dell'università

di Francesco Campi

ROVIGO - Né studenti, né lavoratori. Non più bambini, anche se giovani. Il problema di questa fascia d’età che non cerca lavoro pur non avendo la necessità di impiegare il proprio tempo nello studio, i cosiddetti “Neet” (“Not in education, employment or training”, ossia non studenti, non assunti o in formazione), è rilevante, perché dà la misura dello “scoraggiamento” nella fascia di età fra chi ha più di 14 anni e meno di 30.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Sempre più giovani polesani non studiano né cercano lavoro
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2019-06-28 05:00:32
Ora si spiega perché siete così li in veneto......vergogna !!!!!! segna enrico...ciao enrico..ciao.
2019-06-24 11:51:13
E perche' dovrebbero, almeno in Italia? I loro genitori e nonni ci hanno messo tanto impegno a distruggere la nazione, a renderla succube di milioni di non pensanti e centinaia di politici con 7 aziende ciascuno strapagati e nullafacenti, si sono impegnati moltissimo perche' i loro figli e generazioni successive trovassero una cloaca politica irrecuperabile, perche' non trovassero un posto di lavoro, perche' seguire il percorso scolastico fosse piu' un problema perche' se hai la laurea costi di piu' quindi non ti prendono. Intere generazioni di genitori che hanno accuratamente pianificato la distruzione del futuro dei loro stessi figli. E poi si sorprendono. E li chiamano mammoni. La colpa e' SOLO E UNICAMENTE vostra.
2019-06-24 15:48:51
" I loro genitori e nonni ci hanno messo tanto impegno a distruggere la nazione, a renderla succube di milioni di non pensanti e centinaia di politici con 7 aziende ciascuno strapagati e nullafacenti," Ciccio... prendi della pastiglie e stai calmo. i nostri nonni e hanno portato l'Italia ad essere la QUARTA potenza mondiale. Facendosi un mazzo tanto. Quello che tu affermi è la sagra del luogocomunismo. Aria al cervello pura e semplice. Se proprio vogliamo dare la colpa a qualcuno diamola ai sessantottini, ai perbenisti e agli sfascisti e, si, alla classe politica pessima. Voi, mandereste vostro figlio a lavorare in una fabbrica di tornitura a 800€ al mese? Si chiama dignità quella o neoschiavismo? Nell'antica Roma uno schiavo era considerato prezioso. Doveva essere trattato bene. Se moriva e diventava inservibile, perdevi un capitale. Oggi invece, non c'è questo problema. Anzi
2019-06-24 20:13:51
@gazzettino: """'Se proprio vogliamo dare la colpa a qualcuno diamola ai perbenisti""". Quindi non ai milioni di italiani che non votano, non si attivano socialmente ne politicamente e delegano tutto a qualche centinaio di politici stra pagati, nono. Sono stati i perbenisti a distruggere l'Italia. Ok.
2019-06-24 10:36:53
confermo! ovviamente non tutti, sia ben chiaro. cmque spiace dirlo; e' una zona dove regna ignoranza invidia e maleducazione.