Omicidio Vasto, il vescovo: "Con giustizia più veloce la tragedia si poteva evitare"

Il vescovo: "Con giustizia più veloce la tragedia si poteva evitare"
"La prima cosa che sento è un senso di grande dolore per le tre vite spezzate, quella della ragazza, del giovane ucciso ieri e dell'assassino che ormai, dopo quello che ha fatto, ha una vita distrutta e sconvolta per sempre". E' quanto sottolinea all'Adnkronos l'arcivescovo della diocesi di Chieti-Vasto, monsignor Bruno Forte, commentando quanto accaduto ieri pomeriggio a Vasto, dove Fabio Di Lello, 34 anni, ha sparato e ucciso l'uomo che sette mesi fa investì e uccise sua moglie Roberta Smargiassi.

Secondo l'alto prelato la tragedia poteva essere evitata ''con un intervento rapido della giustizia e una punizione esemplare''. ''Il legislatore deve essere attento alle leggi che fa e deve articolarle su uno spettro più ampio di situazioni - spiega - La magistratura deve fare il suo corso ma nel modo più rapido possibile. Una giustizia lenta è un'ingiustizia".

Infine il monsignore tiene a precisare: "Non c'è vendetta che può essere ritenuta giustizia. La vendetta produce sempre frutti dannosi, è un atto immorale'', conclude.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 2 Febbraio 2017, 14:32






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Omicidio Vasto, il vescovo: "Con giustizia più veloce la tragedia si poteva evitare"
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti