Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ucraina e Russia, dai lanciarazzi ai carri armati fino ai caccia: ecco tutte le forze in campo

La potenza militare della Russia è imparagonabile a quella ucraina in termini assoluti

Mercoledì 23 Febbraio 2022 di Mario Landi
Ucraina e Russia, dai lanciarazzi ai carri armati fino ai caccia: ecco tutte le forze in campo

In Ucraina ora si affilano le armi: soldati e civili imbracciano i fucili mentre mezzi corazzati, anfibi e sistemi missilistici vengono schierati lungo tutto lo scacchiere della crisi. La potenza militare della Russia è imparagonabile a quella ucraina in termini assoluti, ma le forze in campo tendono a equivalersi al momento: tra 150.000 e 190.000 i soldati di Mosca dispiegati lungo il confine e in Bielorussia. Imprecisato il numero di carri armati di ultima generazione, mezzi tattici da combattimento e supporto arrivati nelle ultime settimane.

Ucraina e Russia, le forze in campo

 

Le immagini satellitari più recenti mostrano truppe in zona attacco, ovvero entro 50 km dal confine ucraino, con gruppi di temibili Spetznaz, le forze speciali russe, che si anniderebbero nei boschi a 15 km dalla frontiera. Nella sola Bielorussia, dove si contano almeno 30mila militari russi, l'equipaggiamento annovera i missili a corto raggio Iskander, le postazioni mobili lanciarazzi e anche i cacciabombardieri Su-25 e i jet da combattimento Su-35. Gli analisti ritengono che proprio da qui possa partire un'eventuale offensiva verso Kiev, che dista solo 150 km dal confine, con una manovra a tenaglia che coinvolgerebbe anche il Donbass. Nelle regioni separatiste il fronte armato può contare su 20-35mila effettivi, in gran parte civili addestratisi negli ultimi anni. L'addestramento avviene in una specifica Accademia militare costituita ad hoc nel 2015.

Ucraina, «Basta shopping dei russi». Il nuovo fronte è la finanza

Ucraina, Italia in trincea nei cieli. I top gun rispondono alle sfide dei russi

I separatisti possono contare su carri armati T-72 modificati, che Mosca nega di aver fornito, mezzi corazzati Btr, missili anticarro portatili Komet. Sull'altro fronte, Kiev schiera sulla carta quasi 200 mila soldati e 900 mila riservisti, addestratisi negli ultimi 5 anni. Dopo il tracollo in Crimea, l'Ucraina può ora contare su due navi da guerra, contro le decine schierate da Mosca nel Mar Nero e in quello di Azov, molte capaci di lanciare missili da crociera. Kiev inoltre ha oltre 2.100 carri armati, oltre 400 batterie missilistiche antiaeree - S-300 compresi -, 146 caccia, 42 elicotteri d'attacco e dal 2017 i razzi anticarro Javelin, forniti dagli Stati Uniti. La Nato ha schierato migliaia di soldati lungo la cintura di sicurezza, che va dall'Estonia alla Romania: in «allerta alta» circa 100 aerei e 120 navi. In Europa ci sono anche 70 mila soldati americani, la metà in Germania. A Ramstein c'è il comando centrale delle forze aeree Usa nel Continente.

Le sanzioni contro la Russia dividono l'Europa: le ripercussioni e cosa potrebbe succedere in Italia

Ultimo aggiornamento: 11:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA