Putin, il rifiuto dei suoi soldati: dopo la resistenza ucraina non tornano a combattere, ecco la mappa che rivela il fallimento

Le mappe pubblicate dall'Istituto per lo studio della guerra (ISW) illustrano quanto del proprio territorio l'Ucraina abbia riconquistato intorno a Kiev e lungo il confine sud-orientale

Lunedì 4 Aprile 2022 di Simone Pierini
Putin, il gran rifiuto dei suoi soldati: dopo la resistenza ucraina non tornano a combattere, ecco la mappa che rivela il fallimento

Nuove mappe rivelano quanto le forze ucraine abbiano respinto gli invasori russi negli ultimi giorni. La feroce resistenza dell'esercito del presidente Volodymyr Zelensky non solo ha sorpreso i generali di Vladimir Putin, ma li ha costretti a ritirarsi dalle terre che la Russia ha trascorso settimane a conquistare.

 

 

La ritirata dei soldati russi

La guerra è purtroppo tutt'altro che finita, ma i progressi dell'Ucraina sono stati sufficienti a portare due gruppi tattici del battaglione russo a rifiutarsi di combattere. Le mappe pubblicate dall'Istituto per lo studio della guerra (ISW) illustrano quanto del proprio territorio l'Ucraina abbia riconquistato intorno a Kiev e lungo il confine sud-orientale. Gli esperti dell'ISW hanno affermato domenica che le truppe in ritirata da Kiev verso la Bielorussia e la Russia occidentale saranno tenute fuori combattimento per essere valutate insieme al loro equipaggiamento per futuri combattimenti.

 

 

 

 

 

Lo stesso rapporto afferma che le forze russe sono probabilmente destinate ad abbandonare completamente la sponda orientale del Dnipro mentre nel frattempo si stanno ritirando da Chernihiv a Nord e da Brovary a Est. «Le truppe russe cercheranno probabilmente di mantenere un gruppo di soldati intorno a Konotop e Sumy abbastanza a lungo da consentire alle loro forze di completare la ritirata dalle vicinanze di Kiev, ma probabilmente si dirigeranno in Russia da quasi tutte le loro posizioni a Ovest di Kharkiv», dichiara l'Istituto per lo studio della guerra nel rapporto. «L'Ucraina ha vinto la battaglia di Kiev. Le forze russe stanno completando il ritiro, ma non in buon ordine. Le forze ucraine stanno continuando a ripulire l'oblast della Capitale dalle truppe russe isolate che alcuni funzionari ucraini descrivono come "orchi perduti"». 

 

 

Il rifiuto verso i superiori

Lo Stato Maggiore ucraino ha riferito domenica che i soldati russi stanno puntando i piedi nei confronti dei loro superiori rifiutando l'idea di tornare a combattere. L'organo centrale delle forze armate di Kiev afferma che i due gruppi tattici del battaglione hanno sfidato l'ordine di combattere dopo essere stati mobilitati dall'Ossezia meridionale al Donbas meno di una settimana fa. Circa 25 soldati della 31a brigata aviotrasportata separata russa hanno rifiutato l'ordine di rientrare in combattimento seguiti dai comandanti della 3a divisione di fucili a motore che si sono opposti di partecipare alle operazioni di combattimento. L'ISW considera legittime le affermazioni sulla scorta di rapporti indipendenti di soldati russi. 

 

 

I militari che non ricevono i soldi promessi

L'intelligence ucraina ha ricevuto documenti interni dall'esercito russo che mostrano che i militari inviati in Ucraina non ricevono i pagamenti monetari promessi per l'invasione dell'Ucraina. I documenti sono stati pubblicati dal ministero della Difesa ucraino su Facebook e rilanciati da Unian. Invece del denaro, ai militari russi vengono offerti giorni liberi aggiuntivi ed è loro vietato lamentarsi della mancanza dei soldi promessi. Dai documenti risulta inoltre che ci sono coscritti inviati illegalmente in Ucraina e che il comando russo ha stilato un elenco di militari che si sono rifiutati di prendere parte alla guerra.

 

 

Ultimo aggiornamento: 6 Aprile, 14:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA