L'Ucraina può produrre missili nucleari per spaventare Putin? Il ruolo degli Stati Uniti e la "storica" fabbrica di ​Pivdenmash

«Non c'è know-how, nessun segreto in questi missili da crociera. C'è solo un lavoro di ingegneria competente di cui l'Ucraina è in possesso», ha dichiarato Oleksandr Marchenko, PhD in fisica, a Euromaidanpress

Lunedì 5 Dicembre 2022 di Simone Pierini
L'Ucraina può produrre missili nucleari per spaventare Putin? Il ruolo degli Stati Uniti e la "storica" fabbrica di Pivdenmash

Dopo aver ritirato le proprie testate nucleari sotto la pressione degli Stati Uniti, l'Ucraina ora implora Washington (finora, senza risultato) di essere riforniti di missili con una gittata di 300 km. Tuttavia, l'Ucraina una volta ha prodotto missili di tale portata e -  secondo quanto afferma il dottor Oleksandr Marchenko, PhD in fisica, a Euromaidanpress - può farlo di nuovo. Marchenko è coinvolto in un team che potrebbe presto produrne di nuovi, seppur con grosse limitazioni. 

Il nodo del memorandum di Budapest

Come molti in Ucraina, Oleksandr Marchenko si rammarica che l'Ucraina abbia ceduto il suo arsenale nucleare, il terzo più grande al mondo, in cambio delle garanzie di sicurezza del memorandum di Budapest del 1994. «Gli Stati Uniti erano i nostri garanti e non hanno adempiuto ai loro obblighi», ha spiegato Marchenko. Se l'Ucraina fosse ancora una potenza nucleare - ha sottolineato - la Russia non distruggerebbe le infrastrutture critiche di Kiev con i suoi missili da crociera, probabilmente non avrebbe nemmeno iniziato una guerra. Tuttavia - ha aggiunto - una bomba nucleare, così come i missili a lungo raggio che l'Ucraina implora agli Stati Uniti di fornirle, non sono così complessi da produrre. «Non c'è know-how, nessun segreto in questi missili da crociera. C'è solo un lavoro di ingegneria competente di cui l'Ucraina è in possesso», ha precisato Marchenko. 

I costruttori ucraini dell'ufficio Pivdenne a Dnipro hanno creato i missili balistici intercontinentali R-36М, conosciuti dalla Nato con il nome in codice "Satan". I fisici dell'Istituto di Fisica Nucleare di Kiev e dell'Istituto di Fisica e Tecnologia di Kharkiv hanno creato molteplici sistemi di localizzazione e targeting, incluso il Kolchuga che scopre centinaia di bersagli a grandi distanze e contemporaneamente riesce a seguirne la traiettoria.

 

La fabbrica di armi a Pivdenmash 

Per questo motivo in Ucraina sono in corso i lavori per lanciare la propria produzione di missili a lungo raggio. Gli specialisti rimasti a Pivdenmash hanno messo insieme una squadra. La fabbrica ucraina ha già creato missili balistici intercontinentali durante il periodo sovietico e ha prodotto razzi spaziali negli anni dell'indipendenza dell'Ucraina. «Pivdenmash è la fabbrica che ha prodotto il missile Satan SS20 che ha terrorizzato il mondo. Vola su una traiettoria balistica e ne escono 10 testate nucleari per sopraffare la difesa aerea. Tutto questo è stato creato in Ucraina», ricorda Marchenko.

La storia dei missili ucraini

La produzione missilistica dell'Ucraina ha origine dallo scienziato missilistico ucraino-sovietico Korolyov, che ha costruito sfruttando la tecnologia missilistica tedesca di cui i sovietici si sono appropriati dopo la seconda guerra mondiale: «Senza i missili V-1 e V-2, Gagarin non sarebbe volato nello spazio». Ora l'Ucraina produce motori per missili da crociera ed è uno dei quattro paesi a produrre grandi motori a turbina per jet. «L'Ucraina è in ritardo su alcuni punti, ma ci sono settori in cui sta andando abbastanza bene. Come nella produzione di motori per gli elicotteri. Il crollo dell'Urss è stato particolarmente doloroso per la Russia perché oltre 200 imprese in Ucraina lavoravano per il settore della difesa di Mosca. Hanno costruito missili, aeroplani, motori per elicotteri. Le scuole sono ancora qui, ma soffrono di scarsi finanziamenti e cattiva gestione. Un cassiere in un supermercato guadagna più dell'ingegnere capo di un'impresa», sottolinea il fisico. Nel 1991, quando l'Urss andò in pezzi, il terzo più grande arsenale nucleare ucraino disponeva di 176 missili balistici intercontinentali che furono trasferiti alla Russia in cambio di garanzie di sicurezza da parte di Stati Uniti, Russia e Regno Unito.

Anche ora, i motori ucraini per i missili da crociera vengono esportati. Anche i droni da combattimento turchi Bayraktar, utilizzati dall'Ucraina per combattere l'invasione russa, sono alimentati da motori attualmente prodotti a Zaporizhzhia.

Il ruolo dei missili balistici nel conflitto

Cosa accadrebbe se l'Ucraina potesse lanciare i propri missili balistici? «Cambierebbe radicalmente tutto nella guerra. Se avessimo le potenzialità di inviare un missile su Mosca i russi sarebbero consapevoli di poter ricevere un attacco missilistico e la guerra finirebbe», spiega Marchenko parlando in maniera astratta. La gittata dei missili che l'Ucraina può potenzialmente produrre può essere di 1000 km o superiore. «La gittata è una questione di diametro», ha analizzato. L'Ucraina dipende dalla Russia per alcuni componenti, ma è possibile sostituirli con alternative sul mercato globale. «Non c'è niente di veramente 'segreto' in questi missili, solo buona ingegneria, l'elettronica è nota a tutti, abbiamo prodotto noi stessi i giroscopi laser», ha sottolineato Marchenko. La precisione dei giroscopi è di diversi metri. Anche la Russia ne produce: i loro missili da crociera a guida di precisione colpiscono obiettivi nell'infrastruttura dell'Ucraina in modo abbastanza efficiente.

Quanto è vicina l'Ucraina a ricreare questi missili? «Se fosse tutto organizzato, una questione di mesi. Ci sono informazioni che questo stia accadendo. Non credo che ci possano essere divieti in questo caso, che possono riguardare solo le armi nucleari perché gli Stati Uniti hanno paura di espandere il club nucleare dei Paesi. Questo è il motivo per cui l'Occidente ha così tanta paura dei sistemi totalitari: Cina, Corea del Nord», ha concluso Marchenko. 

Ultimo aggiornamento: 15:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA