Ucraina, il flop dei droni kamikaze iraniani che «non funzionano al freddo». Russia smette di utilizzarli

Secondo fonti occidentali, la Russia avrebbe inoltre esaurito le scorte di droni di Teheran

Martedì 6 Dicembre 2022 di Alessandro Rosi
Putin truffato? I droni iraniani non funzionano al freddo: Russia smette di utilizzarli in Ucraina

La Russia ha smesso di usare droni kamikaze di fabbricazione iraniana in Ucraina dal momento che non funzionano quando fa freddo. Un flop rivelato dal funzionario ucraino. Yevgeny Silkin, del Comando interforze per le comunicazioni strategiche delle forze armate ucraine.

L'Ucraina ora attacca la Russia, come cambia la guerra? Ex comandante Nato: «Svolta pericolosa»

Flop dei droni iraniani in Ucraina, le ragioni 

Mosca non li usa più perché sono fatti di plastica e altri materiali non resistenti al gelo, secondo l'agenzia di stampa ucraina Unian. È dal dal 17 novembre che non vengono usati in guerra, giorno che coincide con il primo in cui ha nevicato in Ucraina quest'anno. D'altra parte, gli inverni in Ucraina possono essere freddi, con temperature medie spesso sotto lo zero tra dicembre e marzo.

I droni Tupolev Tu-141 che hanno sorpreso Putin: sovietici degli anni 80, facevano le foto in Vietnam, ora sono missili

Quando mosca ha iniziato a utilizzarli

La Russia ha iniziato a utilizzare i droni iraniani a ottobre, colpendo le infrastrutture energetiche ucraine (ma anche diversi civili, rimasti uccisi dagli attacchi). L'Iran e la Russia hanno negato qualsiasi cooperazione sulle armi. Ma Teheran, in seguito, ha ammesso di aver inviato armi alla Russia. La risposta del Regno Unito, Stati Uniti e UE è stata l'imposizione di sanzioni alle aziende che contribuivano a produrre i droni.

 

Perché il freddo è un fattore

La CNN ha riferito a novembre che l'Iran si stava preparando a inviare più armi all'Ucraina, inclusi missili balistici a corto raggio. E ha riferito che l'Iran e la Russia avevano raggiunto un accordo affinché la Russia iniziasse a produrre i droni da sola. Il 23 novembre il ministero della Difesa del Regno Unito ha affermato che la Russia stava probabilmente finendo i droni, ma che potrebbe acquistarne altri. Diversi rapporti hanno anche affermato che l'Iran ha addestrato la Russia su come utilizzare i droni e altre armi. Il 3 dicembre, Avril Haines, il direttore dell'intelligence nazionale degli Stati Uniti, ha affermato che le condizioni invernali dovrebbero rallentare la guerra e che c'era già un "ritmo ridotto".

Scorte finite

Secondo fonti occidentali, la Russia avrebbe esaurito 2-3 settimane fa le scorte di droni iraniani. Lo scrive su Twitter il giornalista Dan Sabbagh, rilanciato dal Guardian. Mosca vorrebbe nuovi rifornimenti, ma per ora non vi sono segnali che stia avvenendo mentre i rapporti militari fra i due paesi sono ancora sotto negoziato, continua il giornalista.

Ultimo aggiornamento: 20:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA