Coronavirus, negli Stati Uniti più morti dell'11 settembre: deceduto bambino a New York

Martedì 31 Marzo 2020
Il coronavirus negli Stati Uniti ha fatto più morti dell'attentato dell'11 settembre 2001. Il calcolo è del Washington Post che così sintetizza gli ultimissimi dati sull'andamento dell'epidemia, con i morti che oramai sono oltre 3.000: 3.170, secondo la Johns Hopkins University. I casi di contagio sono saliti a 164.610.

Roma, 54 nuovi contagiati in un giorno: 116 in provincia (-5). Nel Lazio 181 casi, 9 morti e 16 guariti
Coronavirus, follia in Svezia: ristoranti e piste da sci aperti. Ma l'approccio soft non eviterà la recessione

E, dopo il bimbo di meno di un anno morto a Chicago lo scorso week end, un bambino ha perso la vita a New York a causa del virus. Le autorità non hanno rilevato l'età del bambino, tuttavia hanno riferito che aveva delle patologie preesistenti. New York è l'epicentro dei contagi da coronavirus in tutti gli Stati Uniti con oltre il 40% di tutti i decessi. La maggior parte dei pazienti ha meno di 50 anni. Gli Stati Uniti attualmente sono primi al mondo per numero di contagi, seguiti da Italia e Spagna. 
 
Ultimo aggiornamento: 21:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci