Ivrea, bimba di 12 anni morta impiccata in camera: l'ipotesi di un'altra folle sfida su TikTok

Lunedì 15 Marzo 2021
Ivrea, bimba di 12 anni trovata impiccata in camera: l'ipotesi di un'altra folle sfida su TikTok

Sarà l'analisi delle chat sul telefonino a fornire tutte le risposte sulla morte della ragazzina di Borgofranco d'Ivrea (Torino) che domenica sera è stata trovata impiccata a una mensola, nella sua cameretta, con la cintura dell'accappatoio. Aveva solo 12 anni. A dare l'allarme è stato il papà che, però, non ha potuto fare nulla per salvare la ragazzina. Un caso delicato, secondo la procura di Ivrea, che ha aperto un fascicolo contro ignoti per istigazione al suicidio. «Il quadro è tutto da definire e servirà tempo per analizzare le conversazioni via chat», spiega il procuratore di Ivrea, Giuseppe Ferrando, al lavoro insieme alla procura dei Minori di Torino.

TikTok bloccherà account italiani per assicurarsi che utenti abbiano 13 anni

Le challenge

Per modalità l'episodio ricorda da vicino quanto accaduto a gennaio, a Palermo, dove una bambina di dieci anni ha perso la vita per una «sfida» su TikTok, il social network che va per la maggiore tra i giovanissimi. E infatti, nelle prime ore dopo la tragedia, l'attenzione degli inquirenti si è subito concentrata sull'attività social della ragazzina di Borgofranco. Anche su indicazione della famiglia, poco convinta dalla possibilità di un suicidio: «Usava spesso TikTok, era una delle poche App che aveva scaricato - dicono i famigliari - era serena e parlava del futuro. Voleva iscriversi al Classico. Non aveva alcun motivo di togliersi la vita». I primi accertamenti dei carabinieri di Settimo Vittone non hanno però trovato nessun riscontro di una «challenge» ispirata dai video che circolano sul social network.

Bambina si impicca a scuola per "gioco", salvata in extremis. Psicologi: «Stop telefonini ad under 14»

Le ipotesi

«Non sembra emergere l'elemento della sfida», conferma Ferrando. Per questo gli inquirenti non escludono la possibilità che la ragazzina, domenica, avesse confidato i propositi suicidi a due sue amiche che sono già state ascoltate dai carabinieri. Addirittura una delle ipotesi è che le coetanee abbiano condiviso i propositi dell'amica, salvo poi fermarsi in tempo. Tutto questo in un quadro di "disagio esistenziale" della 12enne, probabilmente mai confessato alla famiglia. «Un episodio gravissimo che non pensavamo di dover mai affrontare - dice ora il sindaco del paese, Fausto Francisca - tutta la comunità e sconvolta e vicina alla famiglia della ragazza». Il primo cittadino l'aveva vista ancora domenica: «Sembrava serena e tranquilla. La sera prima parlava del proprio futuro e aveva anche le idee abbastanza chiare».

Antonella, morta a 10 anni per la sfida su TikTok: i funerali a Palermo

L'assistenza

La scuola media di Borgofranco, piccolo centro di 3.700 anime alle porte di Ivrea, ha deciso di avviare un servizio di assistenza psicologica per i dodici compagni di classe della ragazzina. Gli incontri si terranno in palestra, garantendo il distanziamento. Da un paio di settimane, infatti, la scuola è chiusa a causa delle limitazioni imposte dall'emergenza Covid.

TikTok, influencer siciliana denunciata per istigazione al suicidio: nastro sul viso per non respirare

«E fondamentale fare quanto prima chiarezza sulle cause dell'accaduto visto il gravissimo e recente caso apparentemente simile verificatosi a Palermo - dice in merito la presidente della commissione parlamentare per l'Infanzia e l'Adolescenza, Licia Ronzulli - bene ha fatto la procura ad aprire subito un'indagine per istigazione al suicidio così da verificare se, come purtroppo già accaduto, a causare questa tragedia sia stata un'assurda sfida su Tik Tok. La sicurezza dei nostri bambini deve essere garantita a ogni costo, nella vita reale come in quella virtuale»

Ultimo aggiornamento: 23:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA