Taxi, domani (mercoledì 24) lo sciopero nazionale: stop dalle 8 alle 22, grande corteo a Roma

La manifestazione dei tassisti contro il Ddl concorrenza

Martedì 23 Novembre 2021
Taxi, domani (mercoledì 24) lo sciopero nazionale: stop dalle 8 alle 22, grande corteo a Roma

Stop dei taxi domani, mercoledì 24 novembre. Tutte le sigle sindacali dei tassisti hanno confermato lo sciopero generale per domani. La protesta culminerà con un corteo a Roma al quale parteciperanno i tassisti provenienti da tutta Italia per manifestare in primis contro il Ddl concorrenza che secondo loro andrà a deregolamentare ulteriormemte il settore a favore delle multinazionali.

Sciopero dei taxi, le motivazioni

 

«Prevista la totale adesione allo sciopero nazionale dei taxi e alla manifestazione di Roma, alla quale sono attesi migliaia di tassisti e auto bianche da tutta Italia, che sfileranno per le strade della capitale. La mobilitazione è unitaria e andrà avanti ad oltranza per protestare contro il ddl concorrenza nel quale è previsto, all'articolo 8, una riforma del trasporto pubblico non di linea, ovvero taxi e ncc. I tassisti chiedono al Governo di ritirare l'articolo sotto accusa e di emanare invece i decreti attuativi attesi da tre anni, per la precedente riforma del tpl non di linea (legge 12/2019). Disagi sono previsti in tutte le principali città italiane: sono garantiti solo i servizi minimi essenziali». Lo afferma Uritaxi in una nota.

Sciopero dei taxi, altissima adesione in tutt'Italia: «Basta con l'abusivismo e la giungla delle app»

GLI ORARI - La manifestazione a Roma partirà alle 11 da Piazza della Repubblica e si concluderà a Piazza Venezia. Ad annunciarlo sono le organizzazioni e le rappresentanze sindacali promotrici dopo che il corteo è stato autorizzato dalla Questura. Nella giornata del 24 novembre quindi il servizio taxi sarà fermo in tutte le città dalle ore 8 alle ore 22.

Taxi, sciopero generale mercoledì 24 novembre: tutti fermi e corteo a Roma contro le liberalizzazioni

«In gioco c'è il futuro del settore e delle nostre famiglie», afferma il presidente nazionale di Uritaxi, Claudio Giudici. «Con il ddl concorrenza si tradisce un accordo per avvantaggiare le multinazionali. Noi non ci stiamo». «L'inserimento del tpl non di linea nel ddl - protesta Giudici - è contro ogni logica giuridica ed economica, in quanto si pretenderebbe di rimettere a logiche di mercato un settore che, in quanto amministrato come servizio pubblico, a tariffa amministrata, con obbligo di servizio e turnazioni imposte, non può per essenza subire concorrenza da chi a queste regole non è sottoposto. Diversamente, infatti, sarebbe il legislatore stesso a legalizzare un fenomeno di concorrenza sleale a vantaggio di alcuni ed a svantaggio dei tassisti». «Ancor più grave, perché capace di minare ogni fiducia nella classe dirigente, l'inserimento nel ddl concorrenza rappresenta anche la violazione di accordi siglati nel febbraio 2019 dai tassisti con questo Parlamento. Dopo aver accettato una serie di costose novità normative - prosegue Giudici - attendiamo ancora da tre anni i relativi decreti attuativi che darebbero concretezza ai pronunciamenti della politica in favore della legalità, contro l'abusivismo di operatori scorretti e multinazionali allergiche alle regole pubbliche. Oggi, violando la parola data, non solo si vanno a cestinare gli impegni pattuiti, ma addirittura si vorrebbero nuovamente cambiare le regole del gioco». 

 

 

Ultimo aggiornamento: 11:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA