Soumahoro, la prefettura toglie i centri di accoglienza alle coop dei familiari. Il legale della moglie: «Non si è arricchita»

Il legale ha riabilitato anche i grillini cacciati da Grillo

Venerdì 2 Dicembre 2022
Soumahoro, la prefettura toglie i centri di accoglienza alle coop dei familiari. Il legale della moglie: «Non si è arricchita»

Liliane Murekatete, la moglie di Soumahoro, da giorni è al centro di una bufera mediatico-politica per la gestione delle coop di Latina. Non solo. Il suo avvocato è Lorenzo Borrè, come lei stessa fa sapere. «In questo piano inclinato non posso quindi fare altro, al momento, che dare incarico al mio avvocato, Lorenzo Borrè, per adire le vie giudiziarie nei confronti di quanti mi hanno consapevolmente e persistentemente diffamato, ai limiti dello stalking».

Lorenzo Borrè, un passato nel Fronte della gioventù ai tempi del liceo Giulio Cesare, dal suo studio di Prati ha impugnato trentuno espulsioni comminate dai padroni del Movimento 5 Stelle. Il legale dunque, ha riabilitato i grillini cacciati da Grillo. Borrè è stato anche difensore di Erich Priebke. L'avvocato aveva spiegato questa scelta soprattutto per il fatto che «l'effettività delle garanzie costituzionali si prova proprio in questi casi», cioè assistendo legalmente un criminale nazista. 

Nel 2016 Borrè fece reintegrare venti espulsi napoletani, e costrinse Grillo a modificare statuto e regolamento.

 

«Io - si era difesa Liliane Murekatete - a questo processo mediatico non mi presto né intendo prestarmi: se l'autorità giudiziaria me lo chiederà, non avrò problemi a dimostrare la liceità dell'acquisto, ma respingo culturalmente il processo da celebrarsi nella piazza mediatica, per una miglior diffusione via social e colpo di grazia nelle testate scandalistiche».

Ultimo aggiornamento: 6 Dicembre, 11:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci