Ragazzino genovese punto da manta velenosa: corsa contro il tempo per il rimpatrio

PER APPROFONDIRE: genova, italia, manta, veleno
Ragazzino genovese punto da manta velenosa: corsa contro il tempo per il rimpatrio
Un 12enne italiano è rimasto gravemente ferito per la puntura di un Trigone, una specie di manta velenosa, mentre faceva il bagno nella spiaggia di La Mina, in Costa Rica. Il giovane genovese è paralizzato dal tronco in giù ed è ricoverato da alcune settimane nell'ospedale pediatrico della capitale San José. Secondo quanto raccontato dai genitori, che erano con lui, il Trigone avrebbe conficcato l'aculeo sul collo del ragazzino.

I famigliari hanno preso contatto con l'Unità dipartimentale di Chirurgia vertebrale dell'ospedale Maggiore di Bologna, specializzata in questo tipo di traumi e pronta ad accogliere il minorenne per effettuare anche un lunghissimo ciclo di fisioterapia. Per poter permettere al ragazzino, che può viaggiare solo in posizione orizzontale, di tornare in Italia l'ambasciata italiana in Costa Rica ha messo in moto la macchina dei soccorsi, richiedendo un volo umanitario.



L'Ambasciata d'Italia a San José segue da vicino e fin dal primo momento la vicenda. Lo riferiscono fonti diplomatiche interpellate dall'ANSA, assicurando che l'ambasciata, in stretto raccordo con la Farnesina, sta prestando ogni assistenza necessaria per trasferire il bambino in una struttura ospedaliera italiana.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 12 Novembre 2019, 17:25






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Ragazzino genovese punto da manta velenosa: corsa contro il tempo per il rimpatrio
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2019-11-13 13:10:47
bisogna precisare che queste Mante usano l'aculeo solo per difendersi, non per offendere! quindi se uno le afferra imprudentemente, le ferisce con la fiocina o cerca di bloccarle, usano il micidiale aculeo in modo molto preciso, se lasciate stare, sono animali totalmente inoffensivi.
2019-11-13 14:16:44
gia'come quegli "insetti" che pungendo (vespe,api) si rompono e perdono il pungiglione = suicidandosi, cio' nonostante "ammazzano" piu'di certi grandi predatori. [Questi pungiglioni sono muniti di un uncino, che a contatto con la sottile pelle degli esseri umani e degli altri mammiferi rimangono impigliati nei tessuti dell'epidermide; nel tentativo di togliere l'aculeo, il più delle volte, l'ape si strappa la parte terminale dell'addome finendo per morirne qualche minuto dopo.]
2019-11-14 08:58:29
@ non ci giurerei,al 100 %.Dicono lo stesso degli squali.
2019-11-12 19:28:38
Tritone una specie di manta velenosa ? Sicuri ?
2019-11-13 07:37:32
Trigone, non tritone. C'e' il precedente del notissimo documentarista americano ucciso in Australia un paio di anni fa da uno di questi animali, che non attaccano ma reagiscono se avvicinati troppo.