Papà in congedo parentale non sta con il figlio piccolo, licenziato: "Contrario alla buona fede"

Papà in congedo parentale non sta con il figlio piccolo, licenziato:
Abusa del diritto al congedo parentale il genitore che non utilizzi il permesso dal lavoro esclusivamente per la cura diretta del bambino. E tale violazione giustifica il licenziamento disciplinare. La sezione lavoro della Cassazione ha così confermato la decisione della Corte d'Appello dell'Aquila nei confronti di un dipendente di una ditta di trasporti. Per legge il lavoratore-genitore ha diritto ad astenersi dal lavoro fino ai primi otto anni di vita del bambino, percependo solo fino al terzo anno un'indennità pari al 30% dello stipendio. Ma il permesso, spiega la Cassazione, vale solo se è legato «all'interesse del tutelato», il bambino, appunto.

VOTA IL SONDAGGIO 

Cosa che il papà abruzzese non aveva fatto: «per oltre la metà del tempo concesso a titolo di permesso parentale» non aveva «svolto alcuna attività a favore del figlio». Il datore di lavoro l'aveva appurato ingaggiando un'agenzia investigativa, che aveva fatto appostamenti e fotografato l'uomo. C'è stata un condotta, sottolinea la Cassazione, «contraria alla buona fede» e lesiva della buona fede del datore di lavoro - «privato ingiustamente della prestazione lavorativa del dipendente» - oltre che dell'ente previdenziale che eroga la prestazione assistenziale.

L'uomo, nel suo ricorso, aveva puntato sull'illegittimità del licenziamento rilevando che il congedo non sia equiparabile ai permessi per assistere familiari disabili previsti dalla legge 104, e che non era stato accertato che avesse fatto un altro lavoro durante il periodo di congedo. Ma a tale proposito, i giudici della Cassazione (sentenza n. 509) osservano che il principio vale tanto per chi nei giorni di congedo si dedica ad un altro lavoro, anche se lo fa per «l'organizzazione economica e sociale della famiglia», quanto per il genitore che «trascura la cura del figlio per dedicarsi a qualunque altra attività», come nel caso di questo papà abruzzese.

Perché, spiegano i giudici, «conta non tanto quel che il genitore fa nel tempo da dedicare al figlio, quanto piuttosto quello che invece non fa nel tempo che avrebbe dovuto dedicare al minore». Infatti, il congedo «non attiene a esigenze puramente fisiologiche del minore ma, specificamente, intende appagare i suoi bisogni affettivi e relazionali onde realizzare il pieno sviluppo della sua personalità sin dal momento dell'ingresso in famiglia».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 11 Gennaio 2018, 19:03






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Papà in congedo parentale non sta con il figlio piccolo, licenziato: "Contrario alla buona fede"
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2018-01-13 08:59:25
Le Societa' di Mutuo Soccorso,si mantenevano inizialmente con contributi che i lavoratori versavano al momento di ritirare la paga.Ottima iniziativa della classe lavoratrice..Appena istituite, si rese necessaria la crazione della funzione di medici di controllo, in quanto spuntarono subito furbetti...che alla faccia della solidarieta' sfruttavano i loro generosi compagni.
2018-01-12 20:59:38
se era statale, a parte che nessuno lo denunciava, il giudice che diceva? avrebbe avuto il coraggio di condannare un altro servitore dello stato?
2018-01-12 07:03:20
Mi sembra un'interpretazione corretta e logica. Se chiedo un congedo parentale e poi vado a pesca con gli amici tradisco la sostanza stessa del congedo, che è appunto quella di permettere anche al padre di stare con il figlio. Sono congedi "parentali", non licenze premio. Stesso per la legge 104, serve per assistere un familiare con handicap o malato, non per allungare le ferie di Natale. Forse non tutti riescono a capire il disagio che crea ad un'azienda, specialmente se piccola, l'assenza prolungata di un dipendente.
2018-01-11 22:08:32
Era ora, finalmente si scoprono i furbetti, chissà che non si applichi anche a chi ha la 104 ( legge giustissima per chi ne ha realmente bisogno), ma in Italia ci sono troppe persone che ne approffittano. Bisogna aiutare chi ha realmente bisogno non chi ne approfitta di leggi giuste.
2018-01-11 20:38:55
Giustissimo! E' un diritto per cui molti (soprattutto donne) si sono battuti, ma essere genitore non e' solo un diritto, e' anche un dovere.