Migranti, Conte: basta accoglienza indiscriminata, responsabilità spetta alla Ue

PER APPROFONDIRE: diciotti, giuseppe conte, migranti, ue
Migranti, Conte: basta accoglienza indiscriminata, responsabilità spetta alla Ue
«Quello che è cambiato rispetto al passato è che l'Italia non è più disponibile ad accogliere indiscriminatamente i migranti, contribuendo seppure involontariamente a incrementare il traffico di esseri umani e supplendo alla responsabilità che spetta all'Unione europea, ottundendo il vincolo di solidarietà che grava su ciascuno Stato membro». Lo ha detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, nella sua informativa al Senato sul caso Diciotti.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 12 Settembre 2018, 10:46






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Migranti, Conte: basta accoglienza indiscriminata, responsabilità spetta alla Ue
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 12 commenti presenti
2018-09-12 21:07:01
E'la vergogna della Ue che non riesce a risolvere i problemi contingenti, quotidiani, dei propri stati membri. L'etogeneta' dei componenti e il dominio indiscusso dei tedeschi inacidiscono gli animi e alimentano l'odio reciproco . Non e' questa l'Unione che auspico.
2018-09-12 17:58:16
"Aiuterai il fanciullino la' dove si trova (nel suo paese)" (Genesi 21.17)
2018-09-12 17:29:52
Penso che su questo siamo tutti d'accordo. Eccetto gli ottusi sinistri e i loro amichetti delle coop.
2018-09-12 14:55:25
Jean Claude Juncker non si ricandiderà alla guida della Commissione europea e da giorni il tedesco Manfred Weber è dato come favorito per la sua successione, visto il peso che il Ppe ancora ha in Europa (sovranisti permettendo...). E i socialisti del Pse che fanno? Un quotidiano rivela che avrebbero offerto la candidatura alla presidenza della commissione a Paolo Gentiloni, ex premier italiano e uomo di punta del Pd. A "spingere" sul nome di Gentiloni sarebbe stato uno dei pochi leader di governo sopravvissuti in Europa, il portoghese Costa. E l'ex capo del governo italiano ci starebbe pensando, anche se le sue speranze di poter davvero correre per quella carica (al di là delle speranze di successo che sarebbero limitate assai) sono al lumicino visto che per potersi presentare come candidato alla guida della commissione avrebbe (come vuole la legge) bisogno dell'assenso da parte del governo. E il clima politico che si sta vivendo in queste settimane in Italia non pare davvero essere di quelli buoni per gesti bipartisan, in questo caso da parte dell'esecutivo giallo-verde. Sarebbe la più grande porcata dell'anno, che ne pensano i frullini qualche strisciata d'occhio farebbe comodo...
2018-09-12 14:52:01
certo che detto da uno migrato dalla puglia a firenze fa riflettere: ricorda la barzelletta milanese che parlava di un ruscelletto, attraversato il quale, avrebbe concesso natura milanese ai meridionali immigrati. Ebbene due attraversano, uno affoga, arrivato sulla riva il sopravvissuto osserva: un terùn de meno. Vorrei conoscere da cittadino gli effettivi achievement del presidente del consiglio pro tempore. Non scordiamo che lo paghiamo noi, e la storia del curriculum beh...