Manovra verso il primo ok: in Senato maxiemendamento di 958 commi, c'è la canapa

Domenica 15 Dicembre 2019
3

La manovra si avvicina a incassare il primo via libera del Parlamento: il governo è pronto a chiedere in Senato la fiducia sul maxiemendamento e assicura che le coperture «ci sono». Pochi i rilievi che sarebbero arrivati dalla Ragioneria dello Stato, dice il viceministro all'Economia Antonio Misiani. 

È composto da 958 commi il maxiemendamento alla legge di bilancio che è stato trasmesso oggi in Senato. Nell'ultima bozza del testo, lunga 318 pagine, compare la norma sulla canapa, che è sottoposta al giudizio di ammissibilità della presidenza del Senato. Sopravvive al momento al lavoro di drafting e verifica delle coperture anche la proposta approvata in commissione al Senato che introduce una Tobin tax allo 0,04%

Cannabis light, gli esperti frenano: rischi per i più giovani

A tre giorni dall'approvazione in commissione Bilancio a Palazzo Madama del testo continuano a rincorrersi le voci di un 'bucò che secondo le opposizioni sarebbe di circa «700 milioni» e anche di conseguenti slittamenti dell'esame. Conti che non corrisponderebbero alla realtà secondo la maggioranza. E in serata arriva anche l'annuncio che prova a mettere un punto alle polemiche: il maxiemendamento è stato trasmesso in Senato. Ora la parola passa dunque alla presidenza di Palazzo Madama che deve pronunciarsi sulle ammissibilità delle decine di norme approvate nel corso dell'iter parlamentare. Il M5S, che ha firmato con il senatore Matteo Mantero l'emendamento che riscrive la legge sugli stupefacenti ritoccando all'insù le percentuali di Thc per cui è legale la vendita di canapa, chiede «terzietà» dalla seconda carica dello Stato: sarebbe «grave» se una «mannaia di natura politica» si abbattesse sull'emendamento per la cannabis light. Pronta la replica: la presidenza del Senato rivendica il proprio ruolo di garanzia e sottolinea come le proprie valutazioni in questi casi non siano mai «politiche» ma solo «tecniche».

Manovra, CNA promuove proroga mercato tutelato ma boccia plastic tax

Fatto sta che la misura finisce nel mirino delle opposizioni: Meloni promette «battaglia» per cancellare quella che considerano «una follia»; Salvini parla di «spaccio di Stato» mentre FI sostiene che dovrebbe essere stralciata perché materia estranea alla legge di bilancio. Le norme da passare al vaglio sono comunque numerose: secondo una bozza del maxiemendamento, messi uno in fila all'altro, i commi della manovra sfiorano quasi i mille. E lo spettro degli interventi è davvero ampio: si va da decine di micronorme, che riguardano realtà locali, alla plastic e sugar tax passando per la tassa sulla fortuna; dai ritocchi alle accise sui carburanti alle misure legate alla riscossione degli enti locali.

Qualsiasi decisione prendano alla fine i senatori, alla Camera non resterà che convalidare le scelte dell'altro ramo del Parlamento: i tempi ormai sono troppo stretti per riaprire il dossier senza voler mettere a rischio i conti pubblici con l'esercizio provvisorio. Una scelta che è costata una lunga mediazione all'interno delle forze politiche e che si annuncia oggetto di nuove polemiche con le minoranze. La Lega ha già annunciato di voler ricorrere alla Consulta, così come fece lo scorso anno: la strada imboccata da maggioranza e governo - è l'accusa - ha esautorato totalmente una Camera dei propri poteri.

Ultimo aggiornamento: 16 Dicembre, 00:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA