Stretta Pos rinviata, Conte: nessun ricatto, ho deciso io. Alla Ue chiariremo tutto

Manovra, Conte: alla Ue chiariremo tutto. Su Pos nessun ricatto, ho deciso io
«All'Ue daremo tutti i chiarimenti, non siamo preoccupati», dice il premier Giuseppe Conte a margine dell'assemblea di Confesercenti sulla lettera di Bruxelles all'Italia in cui si evidenzia che la manovra non rispetta i target di riduzione del debito. «Sui Pos nessun ricatto, ho deciso io», dice poi in merito alla scelta di rinviare a luglio la stretta sull'uso del dispositivo per i pagamenti elttronici. 

Giuseppe Conte e Luigi Di Maio, un caffè per siglare la pace: ma M5S è nel caos
Statali, contro i furbetti arrivano le telecamere. Entro 2020 sarà green il 50% delle auto della Pa

Quella con Bruxelles «è una interlocuzione doverosa alla quale non ci sottrarremo», ha aggiunto. «La riduzione dello spread che si è realizzata nella seconda parte del 2019 - ha spiegato inoltre il premier alla platea di Confesercenti - ci permetterà di risparmiare fino a 18 miliardi di euro di spesa per interessi nel prossimo triennio, pari a circa 630 euro in media per ogni contribuente. La traiettoria discendente dei rendimenti sui nostri titoli di Stato ci consentirà dunque di avviare un serio percorso di riduzione del rapporto fra debito pubblico e Pil».

«Il Fondo Monetario Internazionale - ha proseguito Conte - ha ridotto le stime di crescita del Pil mondiale al 3% per il 2019 e, per il 2020, stima una crescita modesta, caratterizzata da profondi fattori di incertezza, determinati anche dalle tensioni commerciali. Inoltre, la battuta d'arresto che ha colpito la manifattura europea, soprattutto in Germania e, in particolare, nel settore dell'automotive, ha determinato conseguenze significative sul nostro sistema produttivo, pienamente integrato nelle catene del valore europee. Tuttavia, pur in presenza di un quadro di sistema particolarmente critico, possiamo constatare che il nostro Paese non viene più considerato un fattore di rischio per l'economia mondiale». «Al contrario, il nostro mercato del lavoro, le condizioni del commercio con l'estero, il risparmio privato e la fiducia dei consumatori restano solidi, nonostante la fase difficile che attraversa settori rilevanti del comparto manifatturiero».

Sul rinvio delle misure sui Pos «non ho subito nessun ricatto, non ho fatto nessun passo indietro, io stesso sono stato promotore di un differimento», ha poi spiegato il premier a margine dell'evento. E dal palco ha detto: «Siamo convinti che con un aumento dei pagamenti digitali non c'è alcuna ragione per cui costi di transazione restino così. Vogliamo garantirci che il piano di azzeramento o riduzione delle commissione possa essere realizzato in modo efficace». Con le misure sui pagamenti con Pos «non vogliamo punire o criminalizzare nessuno, l'obiettivo è semplicemente premiare la diffusione di strumenti digitali di pagamento. Non è prevista alcuna conseguenza negativa per chi userà il contante».

 

«Rispetto il Parlamento» ma «chiamerò tutte le forze politiche alla loro responsabilità. Se uno dopo aver fatto una sintesi si smarca non rispetta quella che deve essere un'azione di governo coesa e incisiva», ha detto poi a margine dell'assemblea rispondendo a chi gli chiede se teme modifiche alla manovra una volta approdata in Parlamento.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 22 Ottobre 2019, 11:16






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Stretta Pos rinviata, Conte: nessun ricatto, ho deciso io. Alla Ue chiariremo tutto
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2019-10-22 17:57:15
amburgo, i poltronari nr.1 e 2 sono 2 galletti nel pollaio, uno dice:io ho i pieni poteri e l'altro replica: senza di me non c'e' governo
2019-10-22 15:13:17
sempre al fianco di banche e UE, altro che ai cittadini...
2019-10-22 13:48:14
Quello che penso interessa a me e sono convinto a milioni di miei Concittadini è che l'Italia abbia un Governo e che qiesto lavori. Sono convinto che il Governo Conte 2 si stia impegnando veramente a fondo e lo ha finora dimostrato e continuerà a farlo. Alla fine della Legislatura "tireremo le somme" e constateremo con grande soddisfazione che il nostro Paese è cambiato, in meglio.
2019-10-22 13:10:12
Con il rinvio a luglio (cioe' alla calende greche) della stretta sul Pos il furbissimo Conte vuole rastrellare i voti dei commercianti e dei professionisti.
2019-10-22 12:53:59
amburgo, capito l'antifona!!!!!!! Conte dice:nessun ricatto, decido io, vale a dire HO I PIENI POTERI