Fondi Lega: assolti i Bossi, condannato Belsito. E Renzo ringrazia Salvini

Renzo e Umberto Bossi
«Sicuramente grazie a Salvini e alla Lega i quali hanno valutato i documenti delle indagini e hanno visto che le spese a me imputate non sono state pagate dal partito». È quanto ha detto Renzo Bossi per il quale oggi è stato dichiarato il non luogo a procedere dalla corte d'appello di Milano davanti alla quale era imputato per appropriazione indebita. 

La Corte d'Appello di Milano ha disposto, quindi, il non luogo a procedere per Umberto Bossi e il figlio Renzo imputati per appropriazione indebita con l'ex tesoriere Francesco Belsito.

Per quest'ultimo ha rideterminato la condanna a un anno e 8 mesi e 750 euro di multa pena sospesa. 
Il Carroccio nei suoi confronti e nei confronti del padre Umberto non aveva presentato la querela necessaria per procedere.

Così hanno deciso i giudici della Corte d'Appello. Dopo il pg, la parola era passata alle difese che hanno chiesto a vario titolo o di dichiarare il non luogo a procedere per la mancanza di querela o l'assoluzione nel merito o in subordine, in particolare per l'ex tesoriere, di contenere la pene nei minimi edittali.

 


 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 23 Gennaio 2019, 16:25






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Fondi Lega: assolti i Bossi, condannato Belsito. E Renzo ringrazia Salvini
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2019-01-24 12:51:30
Mah, se la "decisione" della corte d'appello di milano e' stata determonata dalle valutazioni di salvini e della lega, mi pare chiaro che "c'e' del marcio in padania"... e la lega, parte lesa, non aveva presentato querela? Ancora piu' marcio.
2019-01-24 10:50:04
Cambiano i "colori" ma non i risultati , soldi degli italiani spariti come sempre e condanne ma non la prigione è solo per i "peones" !
2019-01-23 23:46:06
La Lega deve chiarire che fine hanno fatto quei soldi. Posto che la grande maggioranza e' stata spesa per la normale amministrazione del partito (erano rimborsi elettorali che le spettavano, come quelli versati agli altri partiti), devono dire quanti invece hanno preso altre vie, e dove sono finiti.