Napoli, bombola di ossigeno esaurita: uomo muore sull'ambulanza diretta al Cardarelli

Sabato 31 Luglio 2021
Napoli, finisce l'ossigeno in ambulanza: 68 muore dopo il trasporto verso il Cardarelli

Affetto da crisi respiratoria, viene trasferito all'ospedale Carderelli ma muore poco il trasporto poichè era terminato l'ossigeno della bombola sull'ambulanza. Succede a Napoli dove nella mattinata di oggi un 68enne è morto poco dopo aver lasciato l'ospedale San Leonardo di Castellammare di Stabia.

 

Morto per mancanza d'ossigeno, la denuncia del nipote

 

La vittima 68enne, Aniello Vicedomini, soffriva di fibrosi polmonare, una malattia che lo aveva portato ad avere una crisi respiratoria. Da qui la necessità di un trasferimento all'ospedale Cardarelli di Napoli. Ma nel trasporto per il ricovero dal pronto soccorso del nosocomio partenopeo al padiglione interno, è deceduto, a causa della mancata somministrazione di ossigeno di cui aveva bisogno. Sono stati gli stessi medici del Cardarelli a chiamare la polizia di Stato e a denunciare l'accaduto.

 

Bambina morta in autostrada a causa di un sasso che sfonda l'auto: lascia 5 fratelli

 

La bombola dell'ossigeno era esaurita e l'uomo, che doveva ricevere un flusso di ossigeno continuo, ha perso la vita nel giro di pochi minuti. L'intera vicenda è parte della denuncia presentata anche dai familiari di Aniello Vicedomini, di 68 anni, originario di Casola di Napoli e residente a Lettere. I fatti sono stati raccontati con dovizia di particolari dal nipote, Michele Inserra, giornalista, che sul suo profilo Facebook parla di caso di «malasanità». La magistratura ha aperto un'inchiesta e la salma del sessantottenne è stata posta sotto sequestro e trasferita all'obitorio del II Policlinico per l'autopsia.

 

Bus precipitato a Capri, la compagna dell'autista Emanuele Melillo ha perso il bimbo di cui era in attesa

 

Il messaggio del figlio: «Avevi tanta voglia di vivere» 

 

Il figlio dell'uomo ha scritto sulla sua pagina Facebook un messaggio in ricordo del padre scomparso: «Ciao papà oggi mi hai lasciato un vuoto dentro...fin da piccolo mi hai insegnato cosa è il rispetto cosa è l'amore, cosa è l'umanita e io ho sempre ascoltato i tuoi consigli ti ho sempre stimato e rispettato perchè non esiste una persona umile come te..hai dato tanto amore per la nostra famiglia per i tuoi nipoti le tue nuore che per te erano le tue figlie e per tutti i tuoi amici che ti volevano sempre bene..ti dico solo una cosa tu aspettami, lì ci rivedremo al più presto possibile...ci manchi tanto a tutti noi oggi sei volato via non ci posso credere fino all'ultimo respiro sei stato sempre un leone combattente avevi tanta voglia di vivere ma il signore ti ha voluto cn lui in cielo...ciao papa guidaci tu», ha concluso.

 

Ultimo aggiornamento: 1 Agosto, 11:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA