Ragazza strangolata in un ostello a Firenze, il fidanzato va alla reception: «Sono stato io»

PER APPROFONDIRE: firenze, ostello, ragazza, strangolata
Ragazza strangolata in un ostello a Firenze, il fidanzato va alla reception: «Sono stato io»
Strangolata dal fidanzato durante la vacanza a Firenze. Una 21enne straniera è stata uccisa in un ostello nel capoluogo toscano, in via Santa Caterina d'Alessandria: sarebbe stata strangolata dal fidanzato, un 30enne di origine messicana.

LEGGI ANCHE Violenza sulle donne, in migliaia al corteo di "Non una di meno"

A confessarlo lo stesso uomo che stamani si è presentato agli addetti alla hall riferendo quanto era accaduto. Sul posto è poi intervenuta la polizia. Il trentenne è stato portato poi in questura.

 
 


Da quanto emerso la giovane, di origine cinese, sarebbe stata uccisa al culmine di una lite per futili motivi. Nella camera che ospitava la coppia, arrivata a Firenze per vacanza, oltre alla polizia scientifica e al medico legale, è intervenuto il pm di turno d'urgenza.

Non hanno sentito niente perché dormivano o perché erano in giro per la città: così, parlando coi giornalisti, alcuni ospiti dell'ostello di via Santa Caterina d'Alessandria a Firenze che all'esterno chiedevano se fossero a conoscenza che in una camera al terzo piano un 30enne messicano ha ucciso la fidanzata, una 21enne cinese. Discorso diverso per quelli che soggiornavano sullo stesso piano sul quale si è consumato il delitto e che sono stati ascoltati dagli inquirenti in questura.

Anche attraverso i loro racconti gli investigatori stanno cercando di ricostruire la dinamica dell'omicidio. «Ci siamo svegliati alle 12, non abbiamo sentito niente. Siamo arrivati ieri sera per trascorrere qualche giorno qui», hanno raccontato Fabio e Antonio, due giovani turisti romani meravigliati dalla presenza della polizia all'interno della struttura.

«Ho notato un via vai di persone ma nulla di strano. Penso che la prossima notte non la passeremo qui», ha spiegato Gianmarco in gita da Napoli insieme ad altri due amici. Walter, una maratoneta proveniente con un gruppo di 12 persone da Treviso per partecipare alla Firenze Marathon, che si disputa domani, all'uscita dell'ostello ha detto di non saper niente di quanto accaduto qualche ora prima. Un paio di famiglie appena arrivate fanno in tempo a lasciare i bagagli e a uscire frettolosamente coi figli.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 24 Novembre 2018, 15:21






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Ragazza strangolata in un ostello a Firenze, il fidanzato va alla reception: «Sono stato io»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2018-11-25 10:09:11
Da quanto leggo sugli intervistati mi par di capire: Romani e Napoletani cercano il soggiorno gratis . Trevigiani (come spesso accade) pagano e non si lamentano. W l'Italia.
2018-11-25 16:43:43
Della serie Sud, Centro Nord. Uno non vede, l'altro non sente e l'ultimo non parla.
2018-11-25 07:19:45
A questi le giornate con slogan , , il segno rosso di rossetto sottol'occhio non fanno ne' caldo ne' freddo. A vederli si rivaluta Lombroso , prima esaltato e poi denigrato.
2018-11-25 11:16:02
Già! Adesso el messican finisce in carcere, a nostre spese. Quando si dice un buon affare. Questo va rispedito a casa sua, a sue spese. Subito. In Messico sapranno cosa faresene appena arriva.
2018-11-24 19:56:05
Futile motivi per futili persone...