Dj morta, arriva la zia di Gioele: «Faccio da sola, lo trovo io». Le sensitive: «Diamo una mano»

Venerdì 14 Agosto 2020
Dj morta, arriva la zia di Gioele: «Faccio da sola, lo trovo io». Le sensitive: «Diamo una mano»

Proseguono, per l'undicesimo giorno consecutivo, le ricerche. «Voglio trovare Gioele, faccio le ricerche da sola...». Sono da poco passate le 8.30, quando Mariella Mondello, la sorella del marito di Viviana Parisi, la deejay trovata morta a Caronia, si presenta nel campo base delle ricerche, in una stazione di servizio Ip a Marina di Caronia (Messina) per avvertire i vigili del fuoco che sarebbe salita verso i boschi a cercare il piccolo Gioele, il figlio del fratello di cui si sono perse le tracce dallo scorso 3 agosto. La donna è arrivata nel quartier generale delle ricerche accompagnata da un uomo. Si è avvicinata al mezzo dei Vigili del fuoco che staziona lì dal giorno della sparizione della donna, poi trovata morta, e del bambino, e ha annunciato che si sarebbe spinta verso le campagne, in alto, forse nei pressi del luogo del ritrovamento del corpo di Viviana Parisi. «Ci vado da sola», ha sussurrato prima di lasciare il campo base e avventurarsi verso i boschi per cercare il nipotino di 4 anni. Proprio ieri il Procuratore di Patti (Messina) Angelo Vittorio Cavallo ha annunciato che c'è un video da cui si evince che la donna fosse in compagnia del figlio «al momento dell'incidente». Quindi, si avvalora la tesi che la deejay fosse con il piccolo anche quando è entrata nei boschi dove poi è stata trovata senza vita.
Come spiegano però gli inquirenti, la zia del bambino, Mariella Mondello, può «raggiungere soltanto quei luoghi che non sono sottoposti a sequestro giudiziario» perché nelle zone di ricerca non «può andare nessuno» tranne le forze dell'ordine e i soccorritori. 

Dj morta, «Viviana e Gioele visti insieme». Il giallo delle impronte digitali: è caccia a 4 testimoni

Dj morta, in un video gli ultimi minuti di Viviana in auto: «Gioele con lei». La Procura cerca famiglia di turisti testimoni

Dj morta, c'è l'ipotesi suicidio: «Viviana può aver ammazzato il piccolo Gioele»

«Possiamo dare una mano a trovare il piccolo Gioele». Sono almeno tre le segnalazioni di sensitive arrivate agli inquirenti che indagano sulla morte di Viviana Parisi e la scomparsa del figlio di 4 anni, Gioele, di cui si sono perse le tracce da quasi due settimane. Anche ieri una sensitiva del Friuli Venezia Giulia ha contattato uno dei soccorritori per chiedere di essere contattata. «Posso sapere il luogo in cui si trova il bambino», ha detto la donna. «Per favore contattatemi, perché posso darvi una mano». Anche nei giorni scorsi, erano arrivate altre segnalazioni di sensitive. Come Rosa Maria Laboragine che avrebbe dato alcune indicazioni, che sarebbero al vaglio degli inquirenti. «Hanno entrambi gli occhi chiusi, vedo acqua e medicine - ha detto- Cercate vicino all'acqua. Vedo anche una borsa marrone e la donna con una macchia nera nella testa, come se avesse avuto un black out». Fino a questo momento i soccorritori hanno scandagliato anche tutti i pozzi e i laghetti nelle vicinanze. Ma senza risultato.
 

 

Ultimo aggiornamento: 12:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA