Non è scandaloso che a scuola o in tv si parli di sessualità e diversità, ma non può farlo Vladimir Luxuria

PER APPROFONDIRE: papetti, rai, scuola, trans, vladimir luxuria
Egregio Direttore,
ho letto sul suo giornale della lezione che Vladimir Luxuria ha fatto nel corso di una trasmissione di Rai 3 a ragazzi dai 9 ai 12 anni. La Lectio magistralis si componeva di due argomenti. Uno era contro il bullismo nelle scuole e qui tanto di cappello a Luxuria. Ma il secondo argomento consisteva nello spiegare agli allievi come si fa a diventare transessuale. Qui il mio cappello resta sulla testa e chiedo alla scuola come mai permette certe performance. Ricordo a Vladimir Luxuria che quando è stato o è stata a Mosca per partecipare al gay prade, il presidente Putin l'ha fatta impacchettare e, dopo due giorni di accertamenti, l'ha rispedita con un bel foglio di via in Italia. Ma in Italia si può, anche a scuola.
Tito Rovatti
Codigoro



Caro lettore,
la scuola ha il compito di formare i cittadini di domani, non solo quello di insegnare le materie previste dai programmi ministeriali. Quindi non mi sembra scandaloso che, d'intesa con le famiglie, si affrontino in aula anche tematiche delicate, come quelle relative alla sessualità, che fanno parte del mondo in cui i ragazzi saranno chiamati a vivere: comprendere ed accettare le diversità è un passaggio importante nella maturazione delle nuove generazioni. Il problema è come tutto ciò avviene, con quali strumenti e quale tipo di messaggio si trasmette ai ragazzi. Da questo punto di vista ho molti dubbi sul fatto che un compito così complicato possa essere affidato a una persona come Vladimir Luxuria. Non perché sia un bacchettone o nutra pregiudizi di qualche tipo. I motivi sono altri. Provo a spiegarli. L'ex deputato di Rifondazione Comunista ha fatto molte cose nella sua vita: è stata un'attivista per la difesa dei diritti Lgbt (lesbiche, gay, bisessuali e transgender), ha fatto l'attrice e l'opinionista televisiva, ha scritto almeno cinque libri. Non mi risulta abbia però particolari competenze in campo educativo: e questo non è proprio un dettaglio quando si è chiamati a dialogare su certi argomenti con ragazzi tra i 9 e i 12 anni, a maggior ragione se in televisione. Ma non solo: Vladimir Luxuria esprime un'idea di sessualità che è legittima (per nostra fortuna non siamo nella Russia di Putin), ma anche assai lontana dal sentire di tante famiglie italiane. Che meritano considerazione e rispetto non meno di quello che merita la nostra ex deputata.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 23 Gennaio 2019, 05:05






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Non è scandaloso che a scuola o in tv si parli di sessualità e diversità, ma non può farlo Vladimir Luxuria
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 17 commenti presenti
2019-01-23 17:01:00
Per me l'unica famiglia è quella naturale tra uomo e donna. Vladimir Luxuria questo argomento non lo ha proprio affrontato. Ha invece manifestato il dolore e i problemi che la sua condizione gli hanno provocato, il tutto con sensibilità e delicatezza, insegnando ai piccoli che il diverso non è un nemico da combattere o tutt'alpiù da tollerare, ma un amico da accogliere ed aiutare a trovare una propria sabilità.
2019-01-24 09:55:35
commento che neanche il peggior integralista islamico si sognerebbe .... di pensare , invece tu l'hai pure scritto ( e purtroppo non e' una trollata)
2019-01-24 11:39:07
a quando una bella lezione di educazione sessuale da parte di rocco e cicciolina? ahahahaha
2019-01-24 08:40:05
Non sottovalutiamo l'intelligenza dei nostri bambini/ragazzi. Forse ci rendiamo conto di alcune cose solo quando ci fa comodo, quando c'è qualcosa che a noi non piace. Non ci preoccupiamo o ci preoccupiamo poco di lasciare i nostri ragazzi in mano alla "baby sitter" televisione o ancora peggio in internet per ore e ore. Non ci preoccupiamo di cosa possono trovare anche in siti di cartoni animati per bambini/ragazzi, non ci preoccupiamo quando il telegiornale, quando vedono uomini donne bambini morti in guerra, annegati in mare. Le trasmissioni TV, spazzatura usano linguaggi e figure che hanno poco di educativo se non un imprinting negativo. Ma appena si vede qualcoosa che ha un nome cognome, una storia politica e di vita differente allora facciamo tutti ricorso alla Montessori. Facciamo gli scandalizzati parliamo di qualifiche per insegnare, comunicare. Poi se nella scuola media gira droga se i ragazzi escono e non sappiamo con chi, se a casa non c'è un dialogo aperto e costruttivo con i figli affrontando tutti gli argomenti. No il problema è quella persona quel genere di persona. Tempo fa la "lezione" l'ha tenuta anche il Salvini, non ho letto sul giornale quale titoli avesse per questa lezione questa comunicazione, non ho letto che laurea ha e punteggio di laurea, non ho letto quanti libri ha scritto, in particolare di fiabe di racconti per bambini/ragazzi. Ho letto poco o niente quando un ragazzo si è fatto il selfie non sorridendo contento di essere inquadrato con il Salvini, anzi lo hanno accusato a 10/12 anni di essere di parte "di sinistra" No! Non ho letto tutto questo forse perché essendo un ministro del governo attuale faceva piacere ai più anche ai benpensanti basa banchi.
2019-01-24 09:14:22
Luxuria ha parlato con delicatezza della propria esperienza facendo attenzione a non turbare i suoi interlocutori. In questo non ho visto nessuna propaganda che contrariamente osservo sempre più spesso nei pecoroni televisivi in cerca di applausi.