Etna, due nuove scosse di terremoto. Frattura in strada: evacuazioni

PER APPROFONDIRE: catania, eruzione, etna, terremoto
Etna, frattura in strada: evacuazioni. E molti sfollati dormono in auto Video
Continua l'allerta Etna dopo il terremoto della notte tra martedì e mercoledì. Il vulcano continua a tremare l'Etna, cambiando però versante: da sud-est a ovest del vulcano. Due terremoti di magnitudo 2.7 e 2.8 sono stati registrati dall'Ingv, alle 07:15 e alle 09:01, rispettivamente a Adrano e Biancavilla, paesi teatro del sisma violento dello scorso 6 ottobre. Il secondo evento è stato leggermente avvertito. «Ma è stata una scossa leggera - spiega il sindaco di Biancavilla, Antonio Bonanno - a queste ci siamo abituati. Non ci sono state segnalazioni e tutto prosegue normalmente».

LEGGI ANCHE Terremoto Catania, Ingv: «Non siamo tranquilli, ecco cosa sta accadendo»


Circa dieci famiglie sono state fatte evacuare la notte scorsa dalle loro abitazioni ad Aci Platani, frazione di Acireale, per la presenza di una faglia sulla strada dove si trovano le loro case che nel corso della giornata si era allargata provocando una frattura nell'asfalto. L'evento è collegato con l'attività sismica ed eruttiva dell'Etna. Lo sgombero delle abitazioni è stato eseguito con la collaborazione di vigili del fuoco e di carabinieri della compagnia di Acireale.

Molti degli sfollati per il terremoto di magnitudo 4.8 di ieri sull'Etna hanno preferito trascorrere la notte in auto, davanti la propria abitazione inagibile, sfidando il forte freddo. Problemi affettivi e dolore per il distacco dai propri luoghi e affetti quotidiani, ma anche di sicurezza per paura di eventuali atti di sciacallaggio. Un esempio numerico è quello di un albergo etneo: la convenzione stipulata con la Regione Siciliana, che paga le stanze, prevedeva l'arrivo di un centinaio di sfollati, ma si sono presentati in poche decine. C'è stato anche chi ha sfidato la sorte e ha dormito lo stesso in casa. L'Etna è stato clemente: la notte sul fronte sismico è trascorsa tranquilla.


Continua l'eruzione iniziata la vigilia di Natale anche se con un calo nell'energia. Dai crateri sommitali si alzano ancora intense colonne di gas e cenere lavica, legata all'attività stromboliana dei crateri, che non impatta, però, con l'attività dell'aeroporto internazionale di Catania che continua ad essere aperto ed operativo.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 27 Dicembre 2018, 08:14






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Etna, due nuove scosse di terremoto. Frattura in strada: evacuazioni
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 12 commenti presenti
2018-12-27 18:05:03
Prima o poi tra vesuvio ed entna succede qualcosa di grosso fa parte della natura. Costruire città troppo vicine? Stupidità umana
2018-12-27 17:57:01
leggete l'articolo a pagina nove del cartaceo del gazzettino e vergognatevi. case fantasma mai registrate e costruite a pochi metri dalla lava. ed è solo il titolo.
2018-12-27 19:20:04
A pochi metri dalla lava???? Ma sei mai stato a vedere una colata lavica? Conosci la colata lavica raffreddata??? Informati prima di sparaarle grosse oppure smaltisci prima le sbornie da hostarie-tour che è l'unica cosa che ti riesce bene....A pochi metri dalla lava...ma per favore inventane meno cretine...
2018-12-27 20:01:19
ma vergognati tu.......
2018-12-28 15:57:36
In Sicilia quasi il 60% selle case è abusivo e secondo il Rapporto sull’abusivismo edilizio in Sicilia, l’84% degli immobili costruiti illegalmente si trova in zone a rischio sismico, Enricchiotezo come al solito sei dalla parte sbagliata!