Usa, invia foto hot a uno studente, addetta alla mensa della scuola si difende: «È libertà d'espressione»

PER APPROFONDIRE: libertà espressione, studente, usa
Invia foto hot a uno studente, addetta alla mensa si difende: «È libertà d'espressione»

di Federica Macagnone

Lavorando alla mensa della scuola media di Inver Grove Heights, un sobborgo di Minneapolis, la 44enne Krista Ann Muccio aveva finito per invaghirsi di quello studente 15enne che tutti i giorni le passava davanti e che, fin dal primo momento, l'aveva attratta. Prima una battuta, poi un'altra, i due avevano cominciato a chattare su Instagram nel giugno 2014 con toni che nel tempo erano diventati sempre più confidenziali: un'escalation culminata a novembre di quell'anno, quando Krista Ann ha deciso di rompere gli indugi inviando al ragazzo messaggi espliciti a sfondo sessuale e ancor più esplicite foto in cui appariva nuda. Il tutto condito dalla richiesta di "qualcosa in cambio" che ha spinto il ragazzo a condividere con lei foto a luci rosse. 

La storia è andata avanti fino a marzo 2015, quando il padre dello studente, dopo aver scoperto sull'iPad del figlio le foto nude della donna che il ragazzo aveva salvato nella cartella delle immagini, si rivolse alla polizia. L'indagine degli investigatori portò in breve tempo all'arresto di Krista Ann, che fin dai primi momenti, pur ammettendo la relazione che aveva avuto con lo studente, si difese appellandosi al diritto di esercitare la propria libertà d'espressione, sancito dal primo emendamento della Costituzione americana. Il bello è che una decisione di una Corte statale, in un primo tempo, le dette ragione.

Poi, nel marzo dell'anno scorso, la corte suprema del Minnesota intervenne ribaltando la situazione e stabilendo che il divieto di avere contatti sessuali di qualunque tipo con un minorenne non ha nulla a che vedere con la libertà d'espressione. Un intervento deciso che ha messo con le spalle al muro Krista Ann, alla quale non è rimasto altro da fare, giovedì scorso in tribunale, che dichiararsi colpevole e rimettersi alla decisione di giudici che il 6 aprile stabiliranno quale condanna dovrà scontare. «È fondamentale vietare agli adulti colloqui sessualmente espliciti con minorenni finalizzati a provocare in loro un'eccitazione sessuale - ha detto il procuratore della Contea di Dakota, Jim Backstrom - Siamo lieti di aver consegnato Krista Muccio alla giustizia per aver violato questa legge».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 10 Marzo 2018, 16:26






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Usa, invia foto hot a uno studente, addetta alla mensa della scuola si difende: «È libertà d'espressione»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2018-03-13 11:57:04
Che stress per il ragazzino! Credo sarà piuttosto deluso
2018-03-11 09:34:10
.......giusto....!