Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ucraina, il piano per la pace della Turchia. Erdogan: «Così porteremo Mosca al tavolo delle trattative»

Cautela dell'Onu, che avvisa: "Qualsiasi danno a Zaporizhzhia è un suicidio"

Venerdì 19 Agosto 2022 di Marco Ventura
Ucraina, il piano della Turchia per la pace. Erdogan: «Così porteremo Mosca al tavolo delle trattative»

Ci riprova, il leader turco Recep Tayyip Erdogan, e al termine della prima visita in Ucraina, a Leopoli, in quasi sei mesi di guerra, rilancia l'ipotesi di un tavolo della pace in Turchia, e di un incontro diretto tra i contendenti, il presidente russo Putin e l'ucraino Zelensky, anche se quest'ultimo mette le mani avanti e avverte che di pace si potrà parlare soltanto dopo che «i russi avranno lasciato il nostro territorio e ritirato le truppe». Quanto a Mosca, la Cnn Turk fa sapere che nel faccia a faccia lo scorso 5 agosto tra Erdogan e Putin, quest'ultimo avrebbe aperto a un bilaterale con Zelensky, respinto in passato quattro volte. La posizione di Mosca si sarebbe ammorbidita: invece di pretendere che le delegazioni fissino una tabella di marcia e una bozza di testo, l'incontro tra i leader servirebbe a determinare i passaggi e la cosiddetta road map, per poi lasciare agli sherpa la messa a punto di un accordo. A Leopoli, oltre a Erdogan, c'era ieri il segretario generale delle Nazioni Unite, Guterres, e sul tavolo, oltre alle prospettive di una pace a venire possibile, l'ansiogeno caso della centrale nucleare di Zaporizhzhia per la quale russi e ucraini si accusano vicendevolmente di preparare una qualche «provocazione» o «false flag», per creare un incidente e attribuirne poi la responsabilità al nemico, e l'implementazione del patto sul grano che ha già consentito, secondo il ministero della Difesa turco, di portare fuori dall'Ucraina 622mila tonnellate di cereali bloccate dal 24 febbraio, inizio dell'invasione.

LA RICOSTRUZIONE
Erdogan ha anche firmato un memorandum d'intesa per la partecipazione della Turchia alla ricostruzione delle infrastrutture distrutte in Ucraina: ponti e strade. «Oggi nel trilaterale abbiamo discusso ha detto in conferenza stampa a Leopoli della possibilità di tramutare in una pace duratura il clima positivo instauratosi con l'accordo raggiunto a Istanbul sul corridoio del grano. Serve però un maggior coinvolgimento della comunità internazionale». Erdogan ribadisce che la Turchia è pronta a svolgere un ruolo cruciale. «Noi siamo sempre disponibili a mediare... Abbiamo parlato anche dello scambio di prigionieri - aggiunge - a cui diamo grande importanza». E promette: «Su tutti gli sviluppi, aggiornerò il presidente Putin e faremo delle valutazioni». Non manca, il leader turco, di rassicurare la Nato di cui Ankara è uno dei pilastri, affermando di essere «dalla parte degli amici ucraini e sostenere integrità e sovranità territoriale dell'Ucraina». L'interlocuzione con Erdogan, del resto, conviene anche a Mosca perché la Turchia è il solo membro della Nato ancora dialogante coi russi. Intensi pure gli scambi commerciali tra i due Paesi, oltre al fatto che i turchi sono guardiani degli stretti del Mar Nero.

I BOMBARDAMENTI
Sul terreno, da registrare gli almeno 17 morti nei bombardamenti russi sulla martoriata Karkhiv, nel Nord-Est, ma anche la pressione delle unità di incursori ucraini oltre la linea e l'azione dei partigiani nei territori occupati, fin dentro la Crimea. Una situazione che ha convinto Putin a sostituire il comandante della flotta del Mar Nero, nominando il vice ammiraglio Viktor Sokolov al posto dell'ammiraglio Igor Osipov. A dimostrazione di uno stallo che potrebbe favorire l'avvio del negoziato, per quanto non imminente. E resta l'allarme sull'impianto di Zaporizhzhia. «Non vogliamo vivere una nuova Chernobil», dice Erdogan. E Guterres: «Qualsiasi danno alla centrale sarebbe un suicidio». Tutto mentre i russi fanno sapere di avere schierato a Kaliningrad, l'enclave incastonata tra Lituania e Polonia (Paesi Nato), tre Mig-31 armati di missili ipersonici Kinjal, nell'aeroporto di Chkalovsk, parte di una unità di combattimento operativa h24.
 

Ultimo aggiornamento: 20 Agosto, 11:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci