Terremoto in Giappone: la terra trema ma le infermiere non cercano riparo e salvano i neonati

PER APPROFONDIRE: giappone, infermiere, neonati, terremoto, video
Terremoto in Giappone: la terra trema ma le infermiere non cercano riparo e salvano i neonati VIDEO

di Simone Pierini

Prima il dovere: salvare i bambini. Sono infermiere e gran parte di loro ha scelto questo lavoro per una missione. Aiutare il prossimo non è solo una frase fatta, ma ciò che le spinge a svegliarsi la mattina, indossare il camice e recarsi in ospedale. Aiutare i bambini ha una doppia responsabilità. E nemmeno un tremendo terremoto può spaventarle o farle arretrare. Il video filmato all'interno del reparto neonatologia di un ospedale in Giappone è quanto di più emozionante che l'essere umano possa vedere.

Terremoto Indonesia, la gente in strada dopo la scossa



La terra trema, una scossa di magnitudo 6.2 che ha colpito ieri la prefettura di Fukushima, nel nord est del Giappone. Le infermiere non cercano riparo sotto un tavolino, vicino una parete portante. Non fuggono in preda al panico. No. Il loro primo pensiero è per i bambini. Loro, inconsapevoli di quanto stia accadendo. Ancora alle prese con i primi battiti della loro vita, nelle loro culle.
 

Quando se ne renderanno conto, una volta cresciuti, sapranno che dalla loro parte ci sono state loro, degli angeli custodi che li hanno messi davanti al pericolo. L'istinto le ha portate a tentare di proteggerli, bloccando le culle pronte a scontrarsi tra loro, magari a ribaltarsi. Fino al termine del terremoto. Fino al pronunciare della frase «è finita» e ritornare al loro posto. Prima il dovere: salvare i bambini.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 6 Agosto 2019, 10:16






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Terremoto in Giappone: la terra trema ma le infermiere non cercano riparo e salvano i neonati
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2019-08-07 07:32:23
Ma quali angeli custodi d'Egitto.. Primo sono abituati ai terremoti e la struttura è antisismica, e loro lo sanno. Secondo sanno di essere riprese dalle telecamere e se scappano senza veder prima dei neonati finiscono dritte alla sedia elettrica, se prima non le prendono i genitori. Tradotto..gli tocca proteggere i neonati o sono guai
2019-08-07 11:49:39
L'infanzia difficile senza giochi inaridisce, ma rimane la speranza.
2019-08-06 19:14:38
Se mettono le telecamere faranno la stessa cosa anche da noi caso mai succede.
2019-08-06 15:38:34
Altra mentalita', altro spirito di servizio. In Giappone chi viene meno al proprio dovere diventa un paria della societa' e spesso trova nel suicidio (piu' o meno rituale) anche il modo per espiare la propria colpa. Pero' e' anche vero che in Giappone i terremoti sono frequenti e gli abitanti sono abbastanza "abituati". E SOPRATTUTTO sanno che le strutture, soprattutto quelle pubbliche, sono progettate per RESISTERE ai terremoti. Se l'ospedale "crolla" nonostante tutto, a che serve nascondersi sotto un tavolo o buttarsi giu' per le scale ? Anni fa, ci fu una serie di terremoti in California, con annessi incendi secondari. Le infermiere di un ospedale pediatrico, consapevoli che in caso di fuga avrebbero potuto salvare al massimo un paio di neonati per volta, inventarono un camice con una serie di enormi "tasche", ciascuna delle quali in grado di accogliere un neonato: in caso di terremoto/incendio ciascuna aveva il compito di caricare in quelle tasche 4-5 neonati per poi fuggire.
2019-08-06 13:34:37
Troppa emozione, forse col paragone di fatti inversi, questo alimenta la speranza che tutto non sia perduto.