Long Covid, lo studio inglese: «Il vaccino dimezza gli effetti»

Martedì 7 Settembre 2021 di Cristiana Mangani
Long Covid, lo studio inglese: «Il vaccino dimezza gli effetti»

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista scientifica Lancet conferma un dato già accertato da diversi altri ricercatori: avere ricevuto prima e seconda dose di vaccino anti-Covid riduce della metà le probabilità di prendere il virus con sintomi gravi e agisce anche positivamente sugli effetti del long covid. Lo studio che arriva dalla Gran Bretagna ribadisce che i vaccini non solo riducono il rischio di malattie gravi e di ospedalizzazione, ma possono anche ridurre le probabilità di avere sintomi di Covid-19 a lungo termine.

«Abbiamo scoperto - hanno spiegato i ricercatori nell'indagine scientifica pubblicata di recente su The Lancet infectious diseases” -  che le probabilità di avere sintomi per 28 giorni o più dopo l'infezione erano approssimativamente dimezzate con due dosi di vaccino. Questo risultato suggerisce che il rischio di covid lungo è ridotto negli individui che hanno ricevuto la doppia vaccinazione, se si considera inoltre il già documentato ridotto rischio di infezione in generale». 

Long Covid, ansia e frustrazione: gli altri disturbi da curare dopo due anni di isolamento

 

Long Covid, la ricerca attraverso la app

Gli esperti hanno esaminato quei sintomi riferiti dagli utenti sull'app specifica. Testimonianze di persone che hanno ricevuto il vaccino tra l'8 dicembre 2020 e il 4 luglio 2021 e hanno confrontato i sintomi dei vaccinati con quelli non vaccinati. I dati includevano più di 1,2 milioni di adulti che hanno riferito di aver ricevuto una prima dose di vaccino e, tra questi, lo 0,5% (6.030 persone), sono risultati positivi per un'infezione da coronavirus dopo aver ricevuto quella prima dose. Tra quasi 1 milione di adulti che hanno riferito di aver ricevuto una seconda dose di vaccino, solo lo 0,2% (2.370 persone) è risultato positivo dopo aver completato entrambe le dosi. I ricercatori hanno scoperto anche che alcuni gruppi erano più vulnerabili alle infezioni rispetto ad altri,  specialmente dopo la prima dose di vaccino: persone di età pari o superiore a 60 anni considerate fragili e persone che vivono in «aree altamente svantaggiate», come le comunità densamente popolate.

I dati hanno mostrato quanto minore sia il rischio di infezione per le persone non obese, anche dopo la sola prima dose di vaccino. Così come chi ha avuto il Covid e ne vive gli effetti a lungo termine, con la vaccinazione ha visto ridursi drasticamente il malesse da long Covid. Nel complesso, i ricercatori hanno scoperto che essere vaccinati era associato a un minor numero di segnalazioni di sintomi in tutte le fasce d'età in caso di contagio. Inoltre, l'immunizzazione ha ridotto la probabilità di ricovero e la diminuzione dei sintomi classici. «Quasi tutti i singoli sintomi di Covid-19  - ha evidenziato la ricerca - erano meno comuni nei partecipanti vaccinati rispetto a quelli non vaccinati. Più persone nei gruppi vaccinati che nei gruppi non vaccinati erano completamente asintomatici». Per quanto riguarda i sintomi a lungo termine del Covid-19, alcuni esperti non coinvolti nel nuovo studio rilevano che c'è ancora molto da imparare. Il professor Penny Ward, durante una visita presso il King's College di Londra, ha dichiarato: «È tuttavia incoraggiante che la percentuale complessiva di casi con sintomi persistenti sia ridotta nei pazienti vaccinati completamente. Questo dimostra che, insieme alla malattia generale più lieve e alla riduzione della necessità di cure ospedaliere, la vaccinazione riduce l'onere sui sistemi sanitari, visto che diminuiscono le persone che hanno bisogno di essere ricoverate».

 

Video

 

Ultimo aggiornamento: 22:45 © RIPRODUZIONE RISERVATA