Birmania, superati i 700 morti nella repressione anti-golpe: ieri bomba davanti a una banca

Lunedì 12 Aprile 2021
Birmania, superati i 700 morti nella repressione anti-golpe

Non si ferma la conta terribile delle vittime in Birmania, dove sono in corso da settimane manifestazioni di dissenso contro il colpo di stato del 1 febbraio. Il bilancio dei morti è salito nel weekend a 700 dimostranti mentre gli Stati Uniti hanno sollecitato l'intervento del Consiglio di sicurezza dell'Onu per trovare un accordo con la giunta militare responsabile delle violente repressioni.

Myanmar, la giornata della protesta dei fiori: il ricordo dei 534 morti del golpe

Novità potrebbero arrivare il 20 aprile, quando è in programma un vertice del sud-est asiatico sulla crisi in Birmania, con i colloqui che potrebbero tenersi a Giacarta. «Attendiamo con impazienza le conclusioni del vertice di emergenza», ha detto la vice ambasciatrice al Palazzo di Vetro, Nathalie Broadhurst. Intanto l'ambasciatore birmano all'Onu che si è ribellato al golpe (ed è stato "destituito" dall'incarico dopo il colpo di stato) nelle scorse ore ha chiesto embargo sulle armi, una no-fly zone e sanzioni per tornare alla democrazia. 

 

 

Ultimo aggiornamento: 17:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA